Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Un'ipotesi è legata a un colpo di sonno e all'alta velocità

Incidente in Svizzera: 22 bambini morti, 3 in coma

Elio Di Rupo: "Un giorno tragico per il Belgio"


Incidente in Svizzera: 22 bambini morti, 3 in coma
14/03/2012, 17:03

SIERRE (SVIZZERA) - Un gravissimo incidente si è verificato ieri sera sull'autostrada A9 tra le uscite est ed ovest di Sierre, nel Canton Vallese, in Svizzera. Un pullman che trasportava due scolaresche belghe che provenivano dalle città di Lommel e Heverlee, nella Fiandre, ha improvvisamente deviato la sua traiettoria ed ha sbandato, andando a schiantarsi contro la parete di un tunnel del Cantone di Valais, al confine tra Italia e Svizzera. La notizia è stata diffusa dall'agenzia svizzera SDA-ATS. Ancora sconosciute restano le cause dell'incidente.

Secondo quanto riferito dalla polizia locale, nell'incidente hanno perso la vita 28 delle 52 persone a bordo. Tra queste si contano 22 bambini, quasi tutti di 12 anni di età. Tra le vittime dell'incidente ci sono anche i due autisti del pullman. I feriti, invece, sono stati ricoverati in quattro diversi ospedali del Canton Vallese.

Le due scolaresche presenti sul pullman, che viaggiava in direzione di Sion, stavano facendo ritorno in Belgio dopo una vacanza sulla neve. "Il dramma sconvolgerà tutto il Belgio", ha dichiarato l'ambasciatore belga in Svizzera Jan Luykx. Ad accogliere nelle prossime ore i familiari delle vittime nel Vallese ci sarà un'unità psicologica di crisi.

AGGIORNAMENTO ORE 10:10
Il terribile incidente avvenuto ieri sera potrebbe essere stato causato da un colpo di sonno e dall'alta velocità alla quale viaggiava l'autobus. Sui siti internet svizzeri e belgi, la notizia è in primo piano e non mancano i commenti e l'indignazione. Il pullman viaggiava in direzione di Sion quando è finito contro una parete di un tunnel autostradale nel cantone del Valais, tra le uscite est e ovest di Sierre. Sul posto sono arrivati circa 200 soccorritori, che hanno lavorato tutta la notte nella galleria autostradale vicino Sierre. Sono state utilizzate 12 ambulanze e 8 elicotteri per portare i feriti negli ospedali. Il mezzo incidentato è stato rimosso dalla galleria, era un autobus di ultima generazione, quasi nuovo, ma saranno le indagini a chiarire meglio le cause della tragedia. Il procuratore del canton Vallese Olivier Elsig ha assicurato, infatti, che l'inchiesta sarà condotta con trasparenza assoluta.
Si tratta del più grave incidente stradale dal 1982, quando il 12 settembre di quell'anno a Pfaffikon, nel cantone di Zurigo persero la vita 39 persone nella collisione tra un pullman e un treno all'altezza di un passaggio a livello, la cui barriera non si era abbassata per errore. In quel caso, ci furono solo due sopravvissuti. "Un giorno tragico per il Belgio", ha commentato il premier del Paese da cui proveniva il pullman Elio Di Rupo, che raggiungerà in giornata il luogo dell'incidente. Il ministro degli Esteri belga Didier Reynders ha fatto sapere di aver messo a disposizione dei familiari due aerei di Stato per arrivare a Sierre e di aver inviato sul lugo un team di sostegno psicologico.


AGGIORNAMENTO ORE 17:35
In Belgio è stata proclamata una giornata di lutto nazionale per commemorare le vittime dell'incidente in Svizzera. Dall'Europa sono arrivate le condoglianze di tanti rappresentanti delle istituzioni. Il presidente della Commissione Ue José Barroso ha inviato un messaggio personale al premier belga Elio Di Rupo: "Da parte mia e di tutta la Commissione Ue, desidero esprimere le mie sincere condoglianze e la mia vicinanza alle famiglie colpite dal terribile incidente di ieri sera. Questo tragico evento assume una dimensione ancora più drammatica poiché la maggior parte delle vittime sono bambini. I miei pensieri vanno anche ai numerosi feriti, ai quali auguro una pronta guarigione". Il re del Belgio Alberto II e la regina Paola hanno raggiunto i parenti delle vittime presso l'aeroporto di Melsboek. Anche il premier olandese si è trovato coinvolto in questa tragedia perché ci sono 9 bambini olandesi tra i passeggeri del pullman distrutto ieri sera, ma ancora non si sa se siano morti oppure ancora vivi. Il primo ministro Mark Rutte ha espresso le proprie condoglianze al Belgio.
Le persone morte nell'incidente sono 28, di cui 22 bambini. Altri 24 sono ricoverati in ospedale, di cui tre sono in coma. "Molti sono ancora in uno stato grave, tre in coma, con lesioni celebrali e toraciche" ha spiegato il ministro alla Sanità del Belgio Laurette Onkelinx Aj. Si tenta ancora di ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente per risalire anche alle cause. All'interno della galleria, il pullman è sbandato, ha sfondato il guardrail sulla destra e si è schiantato contro una parete. Ai soccorritori si è presentata un'immagine raccapricciante, con corpi di bambini morti e altri feriti e incastrati tra le lamiere.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou ed Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©