Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

INCINTA UCCISA: APPELLO; PERIZIA ANCHE SU FETO


INCINTA UCCISA: APPELLO; PERIZIA ANCHE SU FETO
21/01/2009, 17:01

Saranno fondamentali due perizie, durante il processo di appello a Lucio Niero, reo confesso dell’omicidio di Jennifer Zacconi, la ventenne veneziana uccisa al nono mese di gravidanza dal padre del bambino che portava in grembo. In primo grado, con rito abbreviato, Niero venne condannato a 30 anni e non all’ergastolo come invece aveva chiesto il pm Stefano Buccino, che aveva contestato, oltre all’omicidio di Jennifer, anche l’interruzione di gravidanza e la “minorata difesa”. La prossima udienza è stata fissata per il sei febbraio, quando verranno nominati i consulenti e formulati i quesiti delle due perizie. La prima dovrà stabilire se la giovane era già morta quando Niero l’ha seppellita. La seconda invece sarà sul feto, e dovrà stabilire quanto il bambino sia rimasto in vita dopo la morte della madre e se potesse essere salvato con un intervento medico. Non è escluso che si renda necessaria la riesumazione del corpo della ventenne. Jennifer Zacconi, residente ad Olmo di Martellago (Venezia), venne uccisa nel 2006 durante una lite con Niero, sposato e padre di due figli, per questioni di denaro destinato al piccolo che sarebbe nato di lì a poco.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©