Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Indagato cognato del capo della DDA di Messina


Indagato cognato del capo della DDA di Messina
10/04/2009, 08:04

Sergio Sacco, cognato del Procuratore Capo della DDA di Messina, Francesco Messineo, è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di essere, di fatto, un prestanome della mafia. Gli atti sono stati trasferiti a Caltanissetta, per l'incompatibilità ambientale di Messina, per la presenza di Messineo. L'iscrizione parte dalle dichiarazioni di un pentito, Andrea Bonaccorso, che ha accusato Sacco di avere intestati a sè alcuni cavalli di razza, di proprietà del boss di Brancaccio, Andrea Adamo.
L'unica stranezza è che questa volta è bastata una dichiarazione di un pentito non confermata, per iscrivere il signor Sacco nel registro degli indagati, mentre quando la stessa cosa accade per i politici, magari del PdL, non c'è tutto questo can can.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©