Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Già nel 2004 era stato indagato per droga

Indagato consigliere siciliano Udc: mandava l'autista a comprare cocaina


Indagato consigliere siciliano Udc: mandava l'autista a comprare cocaina
16/06/2010, 10:06

PALERMO - Era iniziata come una indagine per fermare lo spaccio di cocaina nella "Palermo-bene", ma ha finito per coinvolgere anche il consigliere regionale ed ex senatore dell'Udc, Salvatore Cintola. Durante le indagini, è stato intercettato - tra gli altri - uno spacciatore, tal Giorgio Napolitano, mentre parlava con la segretaria di Cintola al telefono e si accordava per un acquisto di droga per un controvalore di 1000 euro. E quando martedì notte è scattata l'operazione che ha portato all'arresto dei componenti della banda, nella rete è finito anche l'autista dell'ex senatore Udc, mandato con l'auto blu a ritirare lo stupefacente. Infatti Cintola è indagato a piede libero non per la droga (l'acquisto è stato considerato per uso personale, e quindi non punito), ma per peculato, avendo utilizzato risorse statali (auto blu, autista, segretaria) per uso privato.
Ma non era la prima volta che capitava. Nel 2004 successe un episodio del genere, con i Carabinieri che ispezionarono l'ufficio della segretaria di Cintola e trovarono 10 grammi di cocaina che era a disposizione del politico. ma quell'inchiesta e i risultati che si ottennero furono poi tenuti segreti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©