Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Concorso in frode fiscale e dichiarazione fraudolenta

Indagato il sottosegretario Andrea Zoppini. Si dimette


Indagato il sottosegretario Andrea Zoppini. Si dimette
15/05/2012, 20:05

ROMA – Concorso in frode fiscale e dichiarazione fraudolenta. Eccole le ipotesi di reato che la procura di Verbania ha formulato nei confronti del sottosegretario alla Giustizia, Andrea Zoppini. Immediate sono state le dimissione di Zoppini, che ha espresso piena fiducia nell'operato della magistratura: “Spero di potere chiarire ogni aspetto della vicenda”, ha sottolineato.
Secondo l'accusa, attraverso un'attività di consulenza, Zoppini avrebbe aiutato alcuni imprenditori del novarese a realizzare una frode fiscale a carattere transnazionale. Per questo, gli inquirenti ipotizzano anche compensi in nero e su conti esteri. Di qui l'ipotesi di reato di dichiarazione fraudolenta.
I fatti contestati al sottosegretario, riguardo vicende delle quali si è occupato professionalmente alcuni anni fa: “Anche se i fatti riguardano un tempo precedente alla carica che ricopro attualmente – ha spiegato Zoppini - ritengo che la situazione che si è creata sia oggettivamente incompatibile con la funzione di sottosegretario al Ministero della Giustizia. Per non pregiudicare, quindi, l'azione del Governo e del Ministro della Giustizia, che ringrazio per la fiducia che mi hanno voluto accordare, ritengo necessario rassegnare le mie dimissioni”.
Fiducia a Zoppini arriva dal ministro della Giustizia, Paola Severino: "Esprimo la piena fiducia e il mio profondo apprezzamento per il proficuo lavoro svolto dal professor Andrea Zoppini in questi mesi di impegno in qualità di sottosegretario. Ho accolto con dispiacere le sue dimissioni che, nonostante le mie insistenze, ha ritenuto di dover confermare. Comprendo la sua esigenza di poter così far valere pienamente le proprie ragioni nella sede appropriata".

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©