Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Nel memoriale quel conto chiuso dalla JP Morgan

Indagine Ior: Gotti Tedeschi interrogato 4 ore dai pm

In un appunto per Bertone parla dei contrasti con Cipriani

Indagine Ior: Gotti Tedeschi interrogato 4 ore dai pm
12/06/2012, 21:06

ROMA – E’ durato oltre quattro ore il nuovo interrogatorio per Ettore Gotti Tedeschi, l'ex presidente dello Ior, sentito oggi a Roma dal procuratore capo Giuseppe Pignatone e dall’aggiunto Nello Rossi. L'atto istruttorio si è svolto presso gli uffici della Procura di Roma di piazza Adriana. Gotti Tedeschi era stato sentito il 6 giugno scorso a Milano, sempre da Pignatone e Rossi, a poche ore dalla perquisizione della sua abitazione e del suo ufficio disposta dalla Procura di Napoli nell’ambito dell'inchiesta sugli appalti Finmeccanica. Bocche cucite al termine dell’interrogatorio da parte degli inquirenti: Gotti Tedeschi era accompagnato dall'avvocato Fabio Palazzi in quanto testimone indagato in procedimento connesso. L’ex numero uno della banca vaticana è, infatti, da tempo iscritto nel registro degli indagati a Roma per un’ipotesi di violazione delle norme antiriciclaggio. 
Il mistero del memoriale:
Il memoriale di Gotti Tedeschi, acquisito dai pm di Roma, è accompagnato da una cinquantina di allegati, tra mail e appunti. Tra gli allegati - secondo quanto si apprende da fonti qualificate - documenti diretti al segretario di Stato vaticano card. Tarcisio Bertone, al card. Attilio Nicora, presidente dell'Aif, autorità di vigilanza finanziaria vaticana, al direttore generale dello Ior Paolo Cipriani. In un appunto inviato a Bertone, Gotti Tedeschi parla anche dei contrasti determinatisi con Cipriani. 
Nel memoriale di Gotti Tedeschi, l'ex presidente dello Ior tocca anche il nodo relativo a un conto Ior che JP Morgan decise di chiudere a metà di febbraio (lo si apprende da fonti qualificate). Al segretario di Stato vaticano Tarcisio Bertone, che chiede spiegazioni, Gotti sostiene che, a suo avviso, la banca americana aveva giustificati motivi per chiudere i rapporti con lo Ior in quella fase, non avendo ricevuto dall'Istituto le informazioni richieste. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©