Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Indignatissimi e sul piede di guerra: un 15 ottobre caldo

Indignati: sabato la megamanifestazione. A Roma da 70 città

Lo slogan: “Popolo in piazza per il cambiamento globale”

Indignati: sabato la megamanifestazione. A Roma da 70 città
13/10/2011, 16:10

ROMA – Gli Indignati sono sul piede di guerra e annunciano un sabato caldo in tutta Italia, ma soprattutto a Roma. “Popolo del mondo, in piazza il 15 ottobre per il cambiamento globale”: dopo le manifestazioni di ieri a Roma e Bologna, seguite da diverse polemiche e momenti di tensione e scontro, è all’insegna di questo slogan che sabato prossimo gli indignati scenderanno in piazza in oltre 700 città di oltre 70 paesi, ma anche su internet, dove si terrà una mega assemblea virtuale.
Milioni di persone mobilitate contemporaneamente per rivendicare “diritti e politiche sociali a sostegno dei giovani, dell’occupazione, del welfare”. In Italia, sottolineano gli organizzatori, “sono in corso da giorni iniziative e mobilitazioni preparatorie rispetto all’appuntamento di sabato”. Intanto è nella Capitale che è prevista la maggiore adesione: a Roma, dove una quarantina di ragazzi hanno trascorso la notte accampati sulla scalinata del Palazzo delle Esposizioni per un sit in pacifico, arriveranno, secondo le prime stime, diverse centinaia di bus provenienti da oltre 70 città. Raggiungeranno la Capitale, dove sabato, a partire dalle 14, si snoderà il grande corteo unitario con partenza a Piazza delle Repubblica e arrivo a piazza San Giovanni.
La Federazione della sinistra ha chiesto che la manifestazione sia coperta dalla diretta Rai: “Dopo che nel servizio pubblico per mesi ha avuto accesso solo il partito trasversale della Bce - ha spiegato Alfio Nicotra, responsabile movimenti di Rifondazione comunista – è giunto il momento di dare la parola a chi sotto la dittatura del mercato e degli speculatori non ci vuole più stare. È un appello che rivolgiamo non solo alla Rai ma a tutti i mezzi radiotv”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©