Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Indiziato di tre rapine natalizie: fermato 18enne di Melito


Indiziato di tre rapine natalizie: fermato 18enne di Melito
12/01/2012, 09:01

Questa mattina, gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza “Giugliano”, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria R.B., 18enne di Melito (Na), in quanto gravemente indiziato del reato di rapina aggravata e continuata. Il suo fermo è il frutto di una serrata attività investigativa maturata sulla base di alcune denunce presentate da esercenti commerciali nel periodo natalizio. La prima riguarda un bar di Via Madonna delle Grazie a Giugliano rapinato lo scorso 27 dicembre, la seconda invece un bar di un distributore di carburanti sempre a Giugliano il 29 dicembre, mentre l’ultima, è invece relativa ad una tentata rapina ai danni di un altro distributore di carburanti dello scorso 2 gennaio, questa volta a Sant’Antimo.

Dall’attività investigativa è subito emerso che tutte le rapine erano state portate avanti da un gruppo di giovani in sella a motocicli, armati di pistola ed indossanti casco integrale. Le vittime sono state però in grado di fornire molti dettagli circa il modus operandi dei malviventi e la loro stessa descrizione. In particolare è emerso che uno dei rapinatori aveva una corporatura molto robusta ed in notevole sovrappeso nonostante alto circa 1 metro e 90. Una delle rapine era stata inoltre integralmente filmata da una telecamera di sicurezza e dalle immagini si riconosceva chiaramente la mastodontica figura di R.B..

Questo particolare è stato quindi determinante in quanto ha portato i poliziotti sulle sue tracce. Ieri mattina si sono quindi recati presso la sua abitazione di Via Pertini a Melito. L’appartamento è stato circondato in modo da impedirgli qualsiasi tentativo di fuga. Inizialmente non voleva aprire la porta, ma quando si è reso conto di non avere scampo, R.B. soprannominato “Rafaele o’ Chiatte”, ha aperto la porta d’ingresso e non ha opposto alcuna resistenza.

I poliziotti hanno quindi proceduto ad una perquisizione domiciliare che ha subito dato i suoi frutti. Sotto il letto della sua camera è stata infatti trovata una pistola tipo giocattolo, modello revolver e priva del tappo rosso, identica a quella usata per la rapina al distributore di Giugliano e 33 cartucce a salve più due bossoli dello stesso calibro. In un armadietto della stessa camera, è stato invece trovato il casco di colore nero identico a quello utilizzato nel corso della stessa rapina. Nascoste in uno scatolo posto sul balcone, sono state infine rinvenute altre due pistole giocattolo.

Il giovane rapinatore è stato pertanto sottoposto a fermo di polizia giudiziaria e subito condotto alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©