Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

La donna è stata denunciata, episodio avvenuto a Bari

Infermiera Asl in malattia lavorava in una struttura privata

Scoperta dopo un mese di lavoro in una casa di riposo

Infermiera Asl in malattia lavorava in una struttura privata
20/01/2011, 20:01

BARI - L'ennesima, tipica storia che narra l'altrettanto tradizionale furbata all'italiana. Un'infermiera di 55 anni, regolarmente assunta presso la Asl di Bari con contratto a tempo indeterminato, ha pensato bene di arrotondare il proprio stipendio con un doppio lavoro.
Ciò che ha fatto scattare la denuncia per truffa allo stato e la segnalazione presso l'ispettorato del lavoro ed alla direzione generale della Asl, è stata la modalità attraverso la quale la signora ha tentato per oltre un mese di garantirsi una doppia retribuzione con la metà del lavoro svolto.
Approfittando di un infortunio sul lavoro risalente all'inizio di dicembre, l'infermiera si era messa in malattia per il periodo di prognosi indicato dal medico. Superato tale periodo, però, aveva richiesto ulteriori giorni di malattia (ovviamente retribuiti) e, contemporaneamente, aveva prestato regolare servizio presso un'altra struttura privata.
Un "gioco" che è durato fino alla fine di dicembre, quando alcuni controlli l'hanno incastrata senza possibilità d'appello. Licenziata in tronco dalla Asl e segnalata anche all'ispettorato del lavoro, la donna è stata poi anche denunciata per truffa alla stato.
Il direttore della struttura privata (una casa di riposo), interrogato riguardo la propria dipendente, ha risposto di non essere a conoscenza dell'incarico che quest'ultima ricopriva all'Asl Napoli e, inoltre, ha ammesso che l'infermiera aveva già lavorato nella casa di riposo, ricoprendo diversi incarichi, durante la scorsa estate. Un "vizietto" non nuovo, dunque, che gli ispettori andranno sicuramente a verificare e che potrebbe portare a conseguenze ancora più gravi per la 55enne convinta di poter truffare stato e contribuenti senza conseguenze.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©