Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Le vittime salgono a 13; sono 36 in Italia

Influenza A: altro caso grave in Campania


.

Influenza A: altro caso grave in Campania
09/11/2009, 18:11

NAPOLI - Destano preoccupazione le condizioni di una ragazza di 23 anni, ricoverata questa mattina nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia (Napoli) e trasferita nel pomeriggio al Cotugno di Napoli. La ragazza, che è positiva al virus H1N1, soffre di polmonite. Intanto a Napoli migliora la situazione dei posti letto dell’ospedale pediatrico Santobono, dove non ci sarebbero, secondo le dichiarazioni dell’assessorato regionale alla Sanità, bambini ricoverati in barella (in totale i bambini ricoverati sono 21). Nella scorsa settimana ce n’erano tre; a risolvere l’emergenza, le dimissioni di alcuni piccoli pazienti risultati positivi al virus H1N1, le cui condizioni di salute stanno rapidamente migliorando. Attualmente nell’ospedale pediatrico napoletano sono ricoverati 18 bambini; in rianimazione c’è solo il piccolo di dieci anni di Caserta, ma anche lui sembra in ripresa. Nel fine settimana sono diminuiti anche gli accessi al pronto soccorso: ieri ce ne sono stati 128 a fronte dei 405 raggiunti domenica primo novembre.

E’ intanto risultato positivo al test Francesco Cirillo, il 35enne di Boscotrecase (Napoli) morto ieri a causa di una grave insufficienza respiratoria al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna e Madonna della Neve. Il numero delle vittime in Campania sale a 13 con il decesso di Maria Carraturo, la donna di Monteforte Irpino ricoverata dal 30 ottobre scorso all’ospedale Moscati di Avellino. La 49enne, deceduta per una polmonite interstiziale bilaterale, era affetta da una broncopneumopatia cronica ed era in ossigeno terapia domiciliare da diversi anni; inoltre, pesava circa 160 chili. Al Moscati resta ancora in rianimazione un uomo di 60 anni.

Negli ospedali campani i pazienti ricoverati in rianimazione sono in totale 17. Nell’ospedale Cotugno 7 persone sono in rianimazione, mentre sono 70 i degenti risultati positivi al test sull’influenza A/H1N1. Altre quattro persone sono in rianimazione al Secondo Policlinico di Napoli; due i pazienti ricoverati al Monaldi (un bambino ed un 37enne). Un giovane di 23 anni è stato infine trasferito dal Monaldi al Cotugno. A Caserta, all'ospedale Sant'Anna e San Sebastiano, sono due i pazienti gravi con malattie pregresse di cui uno affetto da una seria obesità dal momento che pesa 210 chilogrammi. Nel reparto Pediatria dello stesso nosocomio sono ricoverati un bambino di 5 anni e una bimba di 2 con febbre alta e persistente difficoltà respiratorie. Nel reparto di Infettologia sono ricoverati, infine, 4 pazienti che hanno contratto il virus e due casi sospetti.

In Italia il numero dei decessi legati al virus è salito a 36; gli ultimi decessi, oltre a quelli verificatisi in Campania, sono quelli di un 65enne di Perugia (morto al Branca per complicazioni ed affetto da gravi patologie tra cui cardiopatia, diabete e ipertensione) e di una 44enne a Piacenza (che soffriva di una patologia cronica cardio-polmonare e che ha avuto complicanza per il virus).

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©