Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Il viceministro rassicura: pronti a fronteggiare il virus

Influenza A, Fazio: ""Più leggera del previsto"


Influenza A, Fazio: ''Più leggera del previsto'
09/09/2009, 18:09

Buone nuove arrivano dal Governo sul versante della temuta Influenza A. Il viceministro della Salute, Ferrucio Fazio, in una conferenza insieme al ministro dell’Istruzione, Maria Stella Gelmini, ed al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Paolo Bonaiuti, spiega che “in Italia siamo realmente attrezzati” e che i casi gravi previsti non saranno superiori “a un paio di centinaia”. Le dichiarazioni arrivano al termine della riunione dell’unità di crisi sulla Nuova Influenza.
Parlando dei casi di pazienti positivi al virus A H1N1, che da 5.600 sono aumentati a circa 7.000, Fazio spiega che “si tratta di un aumento significativo, ma è anche un aumento che procede in maniera tranquilla”. Inoltre, aggiunge il viceministro, la Nuova Influenza “è più leggera del previsto. In tutto il mondo e anche in Italia”.
I pericoli più gravi potrebbero arrivare quindi non dal virus in sé, ma dalle complicazioni che insorgerebbero in pazienti già affetti da altre patologie. Come il napoletano Gaetano D., positivo al virus ma deceduto per complicazioni legate a patologie regresse. “Siamo realmente attrezzati, - afferma Fazio, - anche per affrontare le complicanze come le polmoniti che si manifestano in un numero limitato di casi. Secondo le previsioni degli esperti, non saranno più di un paio di centinaia i casi gravi in Italia alla fine della pandemia”. Naturalmente, il parere di nessun esperto può nulla quando deve scontrarsi con la psicosi della gente, convinta spesso che la situazione sia peggiore di quanto si voglia ammettere. Forse anche a coloro è diretto quel “realmente attrezzati” di Fazio, con un avverbio che, si spera, contribuisca, insieme ai continui annunci medici, a tranquillizzare chi è ormai a un passo dall’isteria.
Intanto il ministro dell’Istruzione, Maria Stella Gelmini, ha annunciato che entro pochi giorni, massimo una settimana, sarà emanata una circolare in cui vengono codificate le modalità di eventuali chiusure di singole scuole o classi se si dovessero verificare casi gravi di Influenza A. “La eventuale chiusura di singole classi o plessi scolastici, - precisa la Gelmini, - verrà decisa su proposta dell’Asl con il coinvolgimento del sindaco e del dirigente scolastico”. Smentita, infine, l’ipotesi di un allungamento delle vacanze scolastiche nel periodo natalizio, quando il virus dovrebbe raggiungere il picco più alto di diffusione.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©