Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Faceva l'usciere all'Università di Bologna

Iniettava morfina nelle bottigliette: arrestato stalker

Il 45enne è stato incastrato dalle telecamere

Iniettava morfina nelle bottigliette: arrestato stalker
14/01/2014, 14:11

BOLOGNA - Un uomo di 45 anni, usciere dell’Università di Bologna, è stato filmato mentre con siringhe iniettava sostanze come morfina o cloroformio nelle bottigliette d'acqua lasciate sulla scrivania dalla giovane donna che aveva rifiutato le sue proposte. Grazie alle telecamere fatte installare da Procura e carabinieri, è stato scoperto e arrestato. Nei mesi scorsi aveva chiesto di uscire alla donna, un'impiegata, ma lei aveva rifiutato. Ora l'uomo è ai domiciliari, accusato di stalking e tentate lesioni gravi.
La vicenda ha inizio ai primi di dicembre quando la donna, 31 anni, impiegata in un ufficio di segreteria, si è accorta che la bottiglietta d'acqua che era solita lasciare sulla scrivania, anche oltre l'orario di chiusura, era torbida. Visto che non era la prima volta che succedeva - prima non aveva dato peso e l'aveva svuotata - ha deciso di portare la bottiglia ai carabinieri: i Nas hanno fatto analizzare il liquido al laboratorio di tossicologia forense e sono emerse tracce di morfina.
La donna, allora, ha riferito delle volte in cui aveva notato il liquido alterato, aggiungendo che tempo prima aveva trovato una rosa e cioccolatini. Quando, pochi giorni dopo, lei si è ritrovata un'altra bottiglia con liquido opaco che non è stato possibile accertare, il pm Massimiliano Rossi ha disposto le telecamere, con la collaborazione dell'università. Il giorno successivo, oltre la chiusura, è stato filmato un uomo, poi riconosciuto come l'usciere, che, dopo aver chiuso la porta, si avvicinava alla bottiglia ('esca' lasciata dalla vittima) e con una siringa iniettava qualcosa: questa volta cloroformio e etere etilico.
La volta successiva i carabinieri che seguivano in diretta la scena, quando lo hanno visto estrarre la siringa, sono intervenuti. Lui si è giustificato dicendo che stava solo controllando che fosse tutto a posto, ma nel suo armadietto sono stati trovate alcune bottigliette e fiale di liquidi da analizzare, siringhe (così come nella sua abitazione, sull'Appennino) e veleno per topi. L'arresto è di poco prima di Natale. Incensurato, in sede di convalida, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Gli inquirenti gli contestano lo stalking perché il suo comportamento, percepito come una minaccia, ha indotto uno stato d'ansia nella donna, che lo ha riconosciuto dai video e ha spiegato che mesi fa aveva rifiutato un invito ad uscire.
Sull’accaduto si è espresso a vicenda il procuratore aggiunto e portavoce della procura di Bologna, Valter Giovannini: "Il rettorato fin dal primo momento ha collaborato in pieno con Procura e carabinieri".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©