Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Insulti sul web a ghanese pestato da vigili a Parma, condanna dell'Italia dei Diritti


Insulti sul web a ghanese pestato da vigili a Parma, condanna dell'Italia dei Diritti
18/11/2009, 09:11


PARMA - Emmanuel Bonsu, studente ghanese balzato agli onori della cronoca per il pestaggio subito nell'ottobre del 2007 da alcuni vigili urbani parmensi, è diventato oggetto di diversi gruppi su Facebook. Alcuni essi sono stati creati per esprimere nei confronti del giovane africano supporto ed amicizia, altri, invece, sfottò e addirittura l'augurio di essere nuovamente malmenato. L'incredibile presa di posizione di questi ultimi internauti genera l'indignazione del vice responsabile per la provincia di Parma dell'Italia dei Diritti Paolo Leporati: "La stupidità di certi individui non ha limiti. La rete, oltre ad essere grande fonte di umanità, può divenire anche un covo di serpi. Esprimiamo totale vicinanza a tutte le vittime dell'odio razziale e premiamo affinché la magistratura assicuri la certezza della pena ai violenti. Condanniamo vivamente tutti coloro che attraverso l'anonimato dei canali telematici sfoderano un sistema d'intolleranza totalmente estraneo alla società civile ed invitiamo tutti i cittadini di buon senso a riflettere nonché contribuire a rendere il web uno strumento immune dal pensiero di quattro ragazzotti annoiati, supine vittime dell'incondizionata esigenza di aggregazione". Concorde con Leporati Emmanuel Zagbla, responsabile per l'Immigrazione del movimento presieduto da Antonello De Pierro, che aggiunge:" Gravissimo sarebbe considerare soltanto lo scarso numero di adesioni e l'effimera persistenza del messaggio sul social network. Purtroppo non potendo contare soltanto sugli insegnamenti della Storia, sarebbero necessari interventi d'urto delle istituzioni e della cultura".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©