Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Avvocati e giornalisti: 'si azzera la giudiziaria'

Intercettazioni: magistrati, giornalisti e avvocati lanciano da Napoli un fermo dissenso al ddl in discussione in Parlamento


Intercettazioni: magistrati, giornalisti e avvocati lanciano da Napoli un fermo dissenso al ddl in discussione in Parlamento
18/02/2009, 16:02

Da Napoli il fermo dissenso al ddl sulle intercettazioni. Ordine dei giornalisti, Ordine degli avvocati, Camera Penale hanno espresso forte contrarietà in relazione al disegno di legge in discussione in Parlamento. Se venisse approvato il provvedimento si rischierebbe di vedere azzerata la cronaca giudiziaria.

Le intercettazioni sono ancora una volta al centro di numerose polemiche, tra governo e opposizione; tra chi le considera un imprescindibile strumento di indagine e chi invece vorrebbe limitarne drasticamente l’uso. La questione è stata ampiamente affrontata nel corso del convegno organizzato da Ordine dei giornalisti della Campania, Ordine degli avvocati di Napoli, Osservatorio sul giornalismo, Camera penale, Unione Cronisti della Campania, dal titolo “Intercettazioni tra procedura penale e diritto di cronaca”, al quale hanno preso parte Franco Roberti, procuratore capo della Procura di Salerno, Ottavio Lucarelli, Presidente Ordine Giornalisti CampaniaFrancesco Caia, Presidente Ordine Avv. Napoli, Francesco Barra Caracciolo, Consigliere Ordine Avv. Napoli, Romolo Sticchi, Presidente Osservatorio sul giornalismo, Lucia Licciardi Segretario Unione Cronisti Campania, Marco Campora, Camera Penale, Domenico Ciruzzi Avvocato del Foro di Napoli. Dal dibattito è emersa la necessità di una effettiva autoregolamentazione da parte degli ordini professionali coinvolti, all’interno dei percorsi già esistenti e della normativa vigente. Franco Roberti, pur esprimendo una posizione critica nei confronti del ddl, ha più volte richiamato l’attenzione sul rispetto della segretezza delle indagini, così come stabilito dalla legge, e quindi anche sul rispetto della segretezza delle intercettazioni telefoniche.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©