Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ischia, 28 gennaio protesta contro Tares -video


.

Ischia, 28 gennaio protesta contro Tares -video
27/01/2014, 14:24

Sale la tensione a Casamicciola Terme, stupendo comune dell’isola d’Ischia, dove la Tares è vergognosamente e spropositatamente aumentata per le famiglie e le piccole aziende e diminuita per i grossi esercizi commerciali e le grosse strutture alberghiere. Si, avete capito bene. Si è tolto ai poveri per dare ai ricchi: da non credere!!! Infatti nonostante il capitolato d’appalto rispetto al 2012 non sia variato, con la  diversa distribuzione dei carichi di pagamento decisi dall’amministrazione commissariale, il costo della Tares è lievitato  per le famiglie lavoratrici e le piccole aziende mentre ha garantito enorme risparmio ai potentati economici del paese: che vergogna!!! Il provvedimento adottato dal Commissario Prefettizio Gamerra sta gettando nelle disperazione le fasce più deboli di Casamicciola anche perché il salasso, tra l’altro, giunge in un momento particolarmente difficile per le famiglie lavoratrici le quali non solo sono alle prese con la forte crisi economica imperante, ma in questi mesi devono fare anche i conti con la disoccupazione dilagante se consideriamo che la maggior parte delle strutture ricettive sono chiuse. In poche parole la gente non ha i soldi per pagare l’ingiusto aumento.
E’ disperata, frastornata, disorientata e si sente letteralmente “strozzata” dallo Stato padrone dello sfruttamento e delle disuguaglianze economiche e sociali che da un lato continua a favorire la casta e dall’altro quasi sembra divertirsi ad umiliare e a tenere sotto scacco le masse popolari. Ma i casamicciolesi non ci stanno a subire questo torto e da giorni stanno rivendicando con forza il diritto ad una tassazione equa e soprattutto a misura di contribuente. Dopo due presidi tenuti sotto il Municipio e rispetto alla mancata revoca, da parte della Gamerra, della delibera numero ventitre che ha determinato gli spaventosi aumenti, martedì mattina il popolo di Casamicciola scende in piazza per chiedere che la tassazione della Tarsu ritorni ad essere quella del 2012. L’appuntamento è per le ore 9.30 in piazzetta Sant’Antonio nel Quartiere di Perrone da dove, alle ore 10.00, partirà il corteo che percorrerà le strade principali del Paese e si concluderà nei pressi della Parrocchia di Santa Maria Maddalena. Anche in questa battaglia, come sempre non mancano i tentativi di boicottaggio e persino di strumentalizzazione da parte dei politici che a Casamicciola stanno dando vita ad una vera e propria lotta politica tra “bande” in vista delle elezioni della prossima primavera. Boicottaggi e strumentalizzazioni prontamente schivate dagli organizzatori della protesta. Domenico Savio, che nei giorni scorsi ha guidato la delegazione di cittadini che ha incontrato il Commissario Prefettizio, ha rivolto un accorato appello ai cittadini di Casamicciola a partecipare alla manifestazione di martedì mattina.  “Noi – ha dichiarato il combattivo Domenico Savio - sosteniamo con tutte le nostre forze la protesta dei cittadini di Casamicciola contro  l’aumento della tassa sulla spazzatura per il 2013 che ha favorito le categorie sociali benestanti penalizzando quelle più deboli. Io invito, e con me tutti quelli che sono impegnati in questa importante battaglia di civiltà sociale come la giornalista Ida Trofa, invitiamo tutti i cittadini di Casamicciola a partecipare a questa manifestazione di protesta per rivendicare con più forza la revoca della delibera e il ritorno alla tassa applicata nel 2012. Voglio augurarmi che almeno questa volta per un interesse collettivo, il popolo di Casamicciola scenda unito in piazza”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©