Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ischia, agli arresti domiciliari i due uomini accusati d'estorsione l'8 dicembre scorso


Ischia, agli arresti domiciliari i due uomini accusati d'estorsione l'8 dicembre scorso
10/01/2012, 10:01

Gli agenti del Commissariato di Ischia hanno eseguito un’ordinanza della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di Carmine Anzaloni di 20 anni e Giovanni Laganà di 50 anni entrambi domiciliati a Barano di Ischia.

I fatti risalgono alla serata dello scorso 8 dicembre quando, il ventenne concordava con un suo conoscente, un ragazzo di diciannove anni, un appuntamento in un luogo isolato. Mentre si recavano insieme sul posto, Anzaloni, ritenendolo autore di un furto subito, lo minacciava intimandogli di restituirgli il maltolto.

Poco dopo, sul posto giungeva un’ auto alla cui guida vi era Laganà, 50enne ischitano e dalla stessa scendeva un altro uomo, che con arma in pugno ed una busta di plastica calzata sul volto inveiva contro la vittima minacciandola di morte qualora non avesse restituito il maltolto al suo amico Anzaloni per poi colpirlo più volte con il calcio di una pistola.

Lo scorso 8 dicembre, l’aggressore fu riconosciuto ed arrestato dalla polizia ad Ischia, per tentata estorsione e lesioni personali mentre Lagana’ e Anzaloni furono denunciati in stato di libertà rispettivamente uno per favoreggiamento e l’ altro per favoreggiamento e minacce.

A seguito di ulteriori elementi forniti dalla Polizia, il GIP del Tribunale di Napoli, ha emesso la misura cautelare degli arresti domiciliari. Questa mattina, quindi, gli agenti hanno rintracciato i due e gli hanno notificato il provvedimento.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©