Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

ISCHIA, GIOVANE RISCHIA LA MORTE: CHIODO ARRIVATO, MA E’ PRESTO PER L’INTERVENTO


ISCHIA, GIOVANE RISCHIA LA MORTE: CHIODO ARRIVATO, MA E’ PRESTO PER L’INTERVENTO
30/06/2008, 16:06

Il chiodo gamma necessario per stabilizzare la frattura alla gamba del ventenne ricoverato in coma farmacologico all'ospedale Rizzoli di Ischia è arrivato. Lo annunciano fonti dell'Asl Na, precisando che "oggi non si è proceduto ad alcun intervento di riduzione della frattura (osteosintesi) in urgenza solo perché l'instabilità emodinamica e le contusioni polmonari hanno impedito di sottoporre il paziente all'intervento chirurgico. "I sanitari - si legge in una nota - hanno infatti ritenuto opportuno che si determinassero le condizioni di stabilizzazione dei parametri vitali del paziente, prima di programmare l'intervento. A tutt'oggi, infatti, nonostante sia già disponibile presso il nosocomio la protesi richiesta, non è ancora prevedibile la data in cui sarà effettuato l'intervento".   "L'ospedale di Ischia - prosegue la nota - essendo deputato a gestire le emergenze sanitarie, è dotato di tutti i presidi necessari per un intervento di riduzione delle fratture (osteosintesi) d'urgenza. Nel caso specifico, si è trattato di un'urgenza differita, ovvero di una condizione per la quale è possibile richiedere mezzi adatti alla riduzione delle fratture specificamente pensati per la tipologia del caso e per l'età del paziente. L'ospedale Rizzoli negli ultimi anni è stato molto potenziato nelle strutture e nelle professionalità; in virtù di ciò è stato possibile in più occasioni rispondere a gravi casi di emergenza con efficacia e capacità. Sia in occasione di gravi incidenti stradali, sia nel caso di gravi eventi - come la frana verificatasi ad Ischia lo scorso anno - le operazioni di soccorso hanno permesso molto spesso una tempestiva ed efficace risposta sanitaria". "Complessivamente - conclude la nota dell'Asl Na2 - il reparto di ortopedia dell'ospedale di Ischia ha realizzato nel corso dello scorso anno 527 ricoveri e 311 interventi, di cui circa 70 hanno previsto l'utilizzo di protesi per la riduzione delle fratture. Ad ulteriore conferma della qualità del lavoro che svolgono i sanitari del Rizzoli, sono ripetute le lettere di gratitudine e di attestazione di stima provenienti sia da cittadini isolani, sia da turisti italiani e stranieri che hanno avuto necessità dei servizi dell'ospedale".
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©