Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Da anni la totale mancanza di manutenzione ordinaria

Ischia, Pineta di Fiaiano: parco-giochi pericoloso


Ischia, Pineta di Fiaiano: parco-giochi pericoloso
27/05/2011, 09:05

Fiaiano, ridente Frazione del Comune di Barano d’Ischia, è famosa per la sua straordinaria vegetazione e per la vastissima pineta che da sempre la caratterizza con i suoi pini verdeggianti e il rigoglioso sottobosco. In questo polmone di verde nel passato fu realizzato un parco-giochi che attualmente e ormai da anni per la totale mancanza di manutenzione ordinaria e straordinaria versa in una condizione a dir poco pietosa. In effetti non c’è una sola giostrina che non sia rotta, inutilizzabile o mancante di qualche pezzo. Di alcuni cavallucci a dondolo è ormai rimasta solo la base nella quale è facile inciampare e cadere. La base in legno del “ponte movibile” è letteralmente spaccata e basta che un bambino scivola con un piede nel spazio vuoto presente tra un passante e l’altro, che rischia di sfregiarsi una gamba: assurdo! E che dire dei tornelli di legno mancanti su alcuni giochi e dove per questo è pericolosissimo salirci? E ancora. Lì dove c’era una corda molto spessa su cui si passava tenendosi ai passamano laterali, oggi sono presenti solo tre funicelle che servivano da supporto alla fune centrale e che vengono pericolosamente utilizzate dai bambini. Ma non è tutto perché sono tanti anche gli attrezzi a cui mancano i necessari ed indispensabili appoggi. Ma come è possibile continuare a tenere un parco-giochi in queste condizioni con insidie e pericoli che incombono come una spada di Damocle sulla testa dei bambini che li utilizzano? Eppure sembrerebbe che nel passato si sia già verificato qualche incidente ma neppure questo è servito a sensibilizzare gli Amministratori comunali affinchè, finalmente, si decidessero a far mettere in sicurezza giochi abbandonati e pericolosi che certamente non possono continuare ad essere utilizzati in queste condizioni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©