Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Per la procura deve stare con il padre

Ischia: polemiche per l'affidamento di una bambina



Ischia: polemiche per l'affidamento di una bambina
01/01/2011, 13:01

Non si placano sull’isola d’Ischia le feroci polemiche dopo la sottrazione alla madre di una bambina di appena cinque anni avvenuta su ordine della Procura della Repubblica di Napoli che ha sentenziato l’affidamento al padre. Per la cronaca, ricordiamo che ad eseguire la sentenza, si sono recati a casa della piccola che sin dalla nascita ha vissuto con la mamma, gli agenti della Polizia Municipale di Napoli, coadiuvati dalla Polizia di Stato che hanno provveduto a trasferire la bambina in Commissariato. E proprio il modo alquanto brusco in cui sarebbe stata condotta l’operazione di sottrazione della bambina, sta indignando da giorni e non poco l’opinione pubblica isolana che soprattutto su FaceBook e sui Siti web continua a dare sfogo al suo sdegno. Uno sdegno talmente forte che ha spinto l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Ischia, il Dott. Carmine Barile, a prendere posizione e a chiedere i dovuti chiarimenti istituzionali su quanto accaduto.
Lo stesso Dott. Barile ci ha confermato che la bambina è stata portata sul porto d’Ischia, dove poco dopo sarebbe partita alla volta di Napoli, ancora in pigiama e avvolta nel giubbino di un agente presente in Commissariato.
Intanto la signora Loreta, madre della piccola, continua a lamentare il fatto di non poter sentire sua figlia.
L’augurio di tutti è quello che quanto prima sul volto della piccola sottratta alla mamma possa ritornare il sorriso ma, certamente, sarà impossibile farle dimenticare quello che per tutta la vita ricorderà come il Natale più brutto e drammatico mai vissuto.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©