Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

I "neet" superano i 2 milioni solo in Italia

Istat: oltre un giovane su cinque non studia e non lavora

Di età compresa tra i 15 e i 29 anni, non hanno stimoli

Istat: oltre un giovane su cinque non studia e non lavora
20/12/2010, 18:12

NAPOLI - Non studiano, non lavorano; sembrano non possedere alcuna buona speranza per il futuro e vivere in un limbo di disincato perenne: secondo l'Istat, nel 2009, i "neet" (not in education, employment or training) in Italia erano oltre 2 milioni. 
Il fenomeno interessa più giovane su cinque; con un allarmante 21,2% in riferimento alla popolazione globale ed un ancor meno edificate 26,3% se si considera la facia d'età specifica compresa tra i 15 i 29 anni. Tra i più giovani (tra i 15 e i 24) la percentuale scende al 18,3% ma rappresenta comunque un dato di malessere sociale evidente e preoccupante.
I neet italiani sono soprattutto donne (24,4% contro il 18% dei giovani maschi) e vivono prevalentemente al Sud. Tra le diverse parti del paese, spiccano infatti notevole differenze. I "no lavoro e no studio", nel Mezzogiorno, arrivano addirittura al superare il 30%. La percentuale cala al 16.1% nel centro e al 14,5% al Nord. In generale, quindi, la situazione presentata dai dati Istat, parla in maniera fin troppo eloquente di un paese che ha smesso di credere nei giovani e dei giovani che hanno smesso di credere nel proprio paese.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©