Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Si preannuncia un protocollo d'intesa tra Asl e carceri

Istituti penitenziari in Campania, è emergenza sanitaria


.

Istituti penitenziari in Campania, è emergenza sanitaria
20/07/2010, 14:07

NAPOLI - "Mai come in questo periodo il carcere attraversa una fase di crisi. Una crisi riconosciuta dallo stesso governo con la proclamazione a gennaio di quest'anno dello stato di emergenza e da larga parte delle forze politiche. La Campania, terza regione d'Italia per numero di detenuti presenti, conta oggi oltre 8mila <<inquilini>>, a fronte di una capienza regolamentare di 5.259 posti.
Negli ultimi 18 mesi (2009 - 2010 ndr) si sono registrati 10 suicidi, 105 tentati suicidi e 461 episodi di autolesionismo" . Questi alcuni dei dati presenti nel Rapporto sulle Carceri in Campania, realizzato dalle Associazioni "Antigone- Campania" e "La Mansarda" , presiedute rispettivamente da Dario Stefano Dell'Aquila e  Samuele Ciambriello.
Uno scenario complesso, a tratti tragico, quello che caratterizza dunque gli istituti penitenziari campani, che non presentano alcun miglioramento delle condizioni della popolazione detenuta.
Aumentare il numero di figure sociali, promuovere il ricorso alle misure alternative alla detenzione, consolidare il passaggio della riforma della sanità penitenziaria, intervenendo in particolare nell'area del contrasto alle dipendenze e della salute mentale. Questi gli obiettivi presentati nella conferenza e ampiamente caldeggiati dal
Vice Presidente della Commissione Sanità, Anna Petrone, che  ha dichiarato la necessità di creare un protocollo d'intesa tra le Asl e le carceri del territorio; una soluzione volta, quindi, a garantire un servizio sanitario adeguato.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©