Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Probabile accordo: India "partner strategico"?

Karzai a Nuova Delhi: “Rafforziamo i rapporti bilaterali”

Kabul vuole riequilibrare il ruolo di India e Pakistan

Karzai a Nuova Delhi: “Rafforziamo i rapporti bilaterali”
04/10/2011, 10:10

NUOVA DELHI - Il presidente afghano Hamid Karzai giungerà oggi in visita a Nuova Delhi con l’obbiettivo di rafforzare le relazioni bilaterali con l’India: nei due giorni di permanenza Karzai incontrerà il premier indiano, Manmohan Singh. Kabul intende riequilibrare il ruolo di India e Pakistan, storici rivali e potenze nucleari, nella ricostruzione dell’Afghanistan, soprattutto in vista del ritiro delle forze dell’Isaf, previsto entro il 2014. Il governo afghano in particolare accusa Islamabad di ospitare nel suo territorio dei gruppi talebani e d’altro canto sa di non poter contare sull’appoggio degli Stati Uniti a tempo indefinito: di qui la probabile firma di un accordo che faccia di Nuova Delhi un “partner strategico”. L’intesa, non confermata al momento dal ministero degli Esteri indiano, comprenderebbe anche l’addestramento della polizia e delle forze di sicurezza afgane.
Sul fronte economico, obiettivo della missione di Karzai è promuovere la cooperazione tra India e Afghanistan: da tempo Kabul esercita pressioni su Nuova Delhi affinchè investa nel Paese, soprattutto nel settore dell’agricoltura, fondamentale per l’Afghanistan martoriato da anni di guerra. L’India, come la Cina, punta ad acquisire influenza sull’Afghanistan per giocarvi, nei prossimi anni, un ruolo di primo piano. La collocazione geografica del Paese, tra Asia centrale e meridionale, è di importanza strategica nel Grande Gioco in atto nella regione e sia Pechino che Nuova Delhi, infatti, sono interessate alle rotte di commercio che potrebbero aprirsi con la pacificazione dell’Afghanistan. Di recente, tra l’altro, il capo della diplomazia di Kabul, Zalmay Rassoul, ha parlato di una “Nuova via della seta” per rafforzare i rapporti economici tra l’Afghanistan e i Paesi confinanti.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©