Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Kelly Brook covergirl su MAX


Kelly Brook covergirl su MAX
03/03/2011, 11:03

Milano, 3 marzo 2011_ Un inedito e sensuale servizio fotografico di Ellen Von Unwerth e un’intervista senza pudore e falsi moralismi accompagnano la bellissima e sexy Kelly Brook sulla cover di MAX, in edicola e su iPad da venerdì 4 marzo 2011. Amante “...del sesso, delle linguine con le acciughe e della pasta alla puttanesca”, la protagonista dell’ultimo Piranha 3D (nelle sale italiane il 4 marzo) si rivela in tutta la sua positiva energia, confessa il suo autentico “...bisogno intenso di provare passione per la vita” e aggiunge: “ Non capisco perché una donna che prende la vita con leggerezza venga considerata stupida mentre una stronza che parla poco deve essere per forza colta o intelligente”.

Dal set hot di Ellen Von Unwerth alle piste del MotoGP con l’intervista al campione Jorge Lorenzo in sella alla sua Yamaha: “La moto più veloce ora è la Honda”, dice e sul suo ex coinquilino di scuderia aggiunge: “Ci vorrà tempo prima che Valentino faccia bene alla Ducati, la verità è che solo Casey Stoner ha fatto girare veloce quella moto, e questo vorrà pur dire qualcosa, no?”.

Protagonista del mese di marzo anche il jazz con l’esclusiva intervista al pianista Stefano Bollani in partenza per un ritiro di qualche settimana in Canada, “per fare i conti con me stesso e per studiare”. Un viaggio tra ricordi, passioni, progetti e anche desideri: “mi piacerebbe scrivere una colonna sonora e perfino fare l’attore: se qualcuno mi fa una proposta seria, accetto di corsa”.

Dai sogni di cinema alle ombre del romanzo poliziesco in salsa statunitense con lo scrittore Don Winslow e agli scatti erotici di Guido Argentini.

Da un artista ricercato di fama internazionale a un ricercato internazionale per la sua arte, nome in codice Lino Bansky. Dissacrante writer che ha saputo unire l’arte di strada del ben più noto writer Banksy alla figura del mitico Lino Banfi in un mix a cavallo tra satira, politica, occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio: “Ma Banksy chi? – afferma l’artista di Andria - tutti sanno che lui si chiama Teo Leonardo Nicola e siccome il suo nome non gli piace allora si fa chiamare come me”.

Sul numero di marzo anche uno speciale sulla rinascita culturale di Torino in vista dei festeggiamenti per il centocinquantesimo dell’Unità d’Italia, un viaggio tra gli angeli di Haiti ogni giorno in prima linea contro la povertà, una carrellata degli oggetti più trendy per la nuova stagione, uno speciale sulla cucina nel braccio della morte e una panoramica sull’eroica squadra di dilettanti dello Chambéry, arrivata addirittura ai quarti di finale della Coppa di Francia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©