Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La Kyenge ha reso omaggio alle vittime del naufragio

Kyenge a Lampedusa: "Dobbiamo impedire nuove tragedie"

Più tardi incontrerà i supersititi al centro d'accoglienza

Kyenge a Lampedusa: 'Dobbiamo impedire nuove tragedie'
06/10/2013, 12:49

LAMPEDUSA - Il ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge è arrivata a Lampedusa per rendere omaggio alle vittime del naufragio di giovedì scorso, dove hanno perso la vita centinaia di persone. Non si sa ancora con precisione quante siano le vittime dell’incidente, dal momento che il maltempo negli ultimi due giorni ha impedito lo svolgimento delle operazioni di ricerca in mare, e si teme che il numero delle vittime sia drammaticamente destinato a salire. Per ora, le vittime certe sono 111. Il ministro per l’Integrazione è stata accompagnata nell’hangar dell’aeroporto dove sono state sistemate le bare che contengono i corpi dei profughi già recuperati dal mare e più tardi si recherà al centro d’accoglienza per incontrare i 155 superstiti.

“Siamo qui per assistere all'ennesima strage, spero che non succeda mai più. Spero che sia una delle ultime volte che noi veniamo a Lampedusa ad assistere a questo dramma”, ha detto il ministro per l’Integrazione. “Ogni vita umana che perdiamo è un contributo che perdiamo – ha continuato la Kyenge –. Quello che è avvenuto non deve accadere più. Dobbiamo aprire una riflessione per impedire nuove tragedie. Spero veramente che il dramma di Lampedusa possa far cambiare, a tutti, l’approccio verso il fenomeno dell’immigrazione e che possa farci riflettere sulle cause del dramma della fuga di tante persone che fuggono dai conflitti”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©