Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La Alfieri su «Protesta delle chiavi» all'Aquila


La Alfieri su «Protesta delle chiavi» all'Aquila
23/02/2010, 11:02


L'AQUILA - "Un grido unanime e compatto scaturito da una situazione intollerabile". Così Concetta Alfieri, viceresponsabile per l'Abruzzo dell'Italia dei Diritti, commenta la protesta di un migliaio di cittadini aquilani che, dopo aver varcato la zona rossa del capoluogo devastato dal sisma del 6 aprile, ha appeso le chiavi degli appartamenti ancora in fase di ristrutturazione su alcune transenne. Lo sdegno degli abitanti ha assunto poi maggiore concretezza una volta entrati in contatto con una troupe del Tg1 presente per uno speciale, rea di avere in cura solo i risvolti propagandistici sulla tragica vicenda. "L'Aquila è una gemma che stenta a rifiorire per colpa di politiche di recupero a dir poco superficiali. E' stata vergognosamente abbandonata e - continua l'esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro - probabilmente verranno abbattuti palazzi storici del centro piuttosto che salvaguardarli attraverso doverosi lavori di ripristino. Non trovo francamente deprecabile neanche la rabbia dei manifestanti, - conclude la Alfieri - alla luce dello scandalo che ha coinvolto la tanto lodata Protezione Civile".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©