Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’uomo è un imprenditore: adesso è salvo

La banca gli nega il mutuo: tenta il suicidio dandosi fuoco


La banca gli nega il mutuo: tenta il suicidio dandosi fuoco
27/02/2012, 21:02

VERONA - Un piccolo imprenditore edile, dicendo di vantare crediti con vari clienti per circa 34mila euro, questo pomeriggio si è presentato in banca chiedendo un prestito di 4mila euro. L’uomo, un 50enne titolare di un’impresa edile, vistosi negare il prestito dalla sua banca, verso cui era già debitore, è uscito dalla filiale e si è cosparso di alcol tentando il suicidio. I carabinieri della Compagnia di Verona, intervenuti sul posto, in quanto allertati dal direttore della filiale, lo hanno immobilizzato e, dopo aver recuperato anche l’accendino che aveva con sè, hanno provveduto a farlo trasportare nel reparto di psichiatria dell’ospedale “Giambattista Rossi”di Verona - Borgo Roma. I militari dell’Arma hanno anche recuperato una lettera con cui l’uomo chiedeva, per i problemi economici in cui versa da circa tre anni, aiuto alle istituzioni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©