Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

LA CAMORRA PERSEGUITA DON MEROLA VIA SMS: "FINIRAI CON LA TESTA NELLA M...A"


LA CAMORRA PERSEGUITA DON MEROLA VIA SMS: 'FINIRAI CON LA TESTA NELLA M...A'
09/09/2008, 17:09

Minacce della camorra via sms. A denunciarle è il sacerdote del quartiere napoletano di Forcella Don Luigi Merola, da anni nel mirino in del clan Mazzarella, in occasione di un incontro con i “papaboys” a Teggiano, comune del Vallo di Diano. Le minacce, riportate stamani dal quotidiano “Il Mattino”, risalgono al 4 agosto, ma “l’episodio non è stato reso pubblico – spiega il prete di Forcella - fino a quando ho dovuto rispondere ad un uomo perseguitato dagli usurai che mi chiedeva dove trovare il coraggio per andare avanti”. Da qualche giorno – continua don Merola, da anni in prima linea nella lotta alla camorra - ho avuto dalla Procura di Napoli la conferma della loro autenticità. Provengono da ambienti camorristici” – conclude il sacerdote. Riguardo al contenuto del messaggio, che reca la firma di un “soldato del clan Mazzarella”,  esso contiene minacce esplicite:  “Ricordati che devi morire”; e, ancora: “farai la fine degli eroi anticamorra, il tuo corpo sarà fatto a pezzi e sarà messo davanti alla chiesa di Forcella con la testa nella m...a.”.  
 

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©