Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Presentata questa mattina l'istanza in Corte d'Appello

La Cir avvia le procedure per la riscossione dei 560 milioni


La Cir avvia le procedure per la riscossione dei 560 milioni
11/07/2011, 13:07

MILANO - A quanto pare, la Cir dell'ingegnere Carlo De Benedetti non intende aspettare che il Presidente del Consiglio sforni qualche legge ad personam per evitare di pagare il dovuto. Già questa mattina, infatti, è stata presentata istanza, alla cancelleria della Corte d'Appello di Milano, l'istanza per avere una copia autentica della sentenza di sabato, con cui Fininvest veniva condannata a risarcire 560 milioni di euro alla Cir, per lo "scippo" della Mondadori, avvenuto negli anni '90 mediante la corruzione del giudice Metta.
Si tratta del primo passo necessario per poter ottenere dalle banche il pagamento della somma. Infatti, dopo la sentenza di primo grado, per poter ottenere la sospensione del pagamento, la Fininvest dovette prestare una fideiussione bancaria di 806 milioni (la sentenza in primo grado prevedeva un pagamento di 750 milioni) prestata da un pool di banche. Ora, muniti della copia autentica della sentenza, i legali di De Benedetti potranno andare dalla banca a farsi pagare il dovuto; a meno che nel frattempo i legali Fininvest non ottengano dalla Cassazione il congelamento del pagamento. I tempi previsti sono nell'ordine di pochi giorni: entro giovedì-venerdì di questa settimana la sentenza; al massimo entro il venerdì successivo ci potrebbe essere il pagamento.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©