Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Vittoria dell'Idv, che aveva raccolto le firme

La Consulta ammette il referendum sul legittimo impedimento

Ammessi anche 3 degli altri 5 quesiti

La Consulta ammette il referendum sul legittimo impedimento
12/01/2011, 17:01

ROMA - Prima vittoria dell'Italia dei Valori, per quanto riguarda l'accoglimento dei referendum da parte della Corte Costituzionale. Il più politico di tutti, quello che chiede la cancellazione della legge sul legittimo impedimento, è stato dichiarato ammissibile. Questo però non vuol dire ancora nulla, perchè il destino di questo referendum è legato alla decisione sulla costituzionalità o meno della legge, che verrà decisa domani. Nel caso in cui venisse dichiarata l'incostituzionalità, il referendum decadrebbe automaticamente; nel caso in cui la legge venisse dichiarata costituzionale, il referendum si terrebbe tra il 15 aprile e il 15 giugno, a meno che non ci siano elezioni al Parlamento; nel caso in cui la legge venisse dichiarata solo parzialmente incostituzionale, toccherebbe all'Ufficio Centrale della Cassazione dire se il referendum si deve tenere o meno
Ma proprio l'ammissione del referendum fa propendere verso una bocciatura della legge. Visto che la Corte Costituzionale su questa vicenda si è mossa su binari politici e non su quelli della Costituzione, difficile che possa permettere un referendum sulla processabilità o meno del Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi.

REFERENDUM SULL'ACQUA

Ammessi anche due dei quattro quesiti referendari sulla privatizzazione dell'acqua. Ritenuto ammissibile quello dei comitati contro la privatizzazione dell'acqua che chiede l'abroghazione totale della legge stessa e quello che chiede di abrogare la parte della legge in cui c'è scritto che le società private possono aumentare il prezzo dell'acqua a piacimento per avere un margine di guadagno in rapporto al capitale investito. Respinti invece quello che chiedeva di abrogare solo la parte della legge che obbliga i Comuni ad affidare i servizi di erogazione idrica solo o in maggioranza a privati, e quello presentato dall'Italia dei Valori che chiedeva l'abrogazione solo di una parte della legge sulla privatizzazione dell'acqua.

REFERENDUM SUL NUCLEARE

Ammesso anche il referendum che chiedeva l'abrogazione della legge che stabilisce un piano per la costruzione di quattro centrali nucleari sul territorio italiano.

Per tutte le sentenze, le motivazioni saranno depositate nel giro di qualche giorno.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©