Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Non si potrà denunciare padrone casa evasore

La Consulta boccia norma su affitti in nero


La Consulta boccia norma su affitti in nero
14/03/2014, 16:43

ROMA  - Bocciata dalla  Corte costituzionale, perché ritenuta illegittima, la norma sulla determinazione dei canoni di locazione  che prevedeva vantaggi per i locatari che segnalavano contratti di affitto in nero; la norma era  contenuta nel decreto del 2011 sul federalismo fiscale.  

In sostanza la norma  permetteva all'inquilino che denunciava un affitto in nero di registrare il successivo contratto di locazione presso un qualsiasi ufficio delle Entrate, beneficiando di un canone annuo pari al triplo della rendita catastale (importo che in genere è del 70-80% inferiore ai valori di mercato), con una durata di quattro anni rinnovabili di altri quattro.  

La Consulta bocciando la norma ha inoltre deciso la retroattività dell’applicazione della sentenza  facendo così diventare  carta straccia i contratti che sono stati registrati dagli inquilini o dai funzionari del Fisco a partire dal 6 giugno 2011.

La Superma Corte  ha così motivato la Sentenza:   i contenuti del decreto legislativo emanato dal governo nel 2011 sono andati oltre il perimetro fissato dal Parlamento nella legge delega, violando l'art. 76 della Costituzione.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©