Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La Direzione Investigativa Antimafia di Salerno sequestra beni per 2 milioni e mezzo di euro.


La Direzione Investigativa Antimafia di Salerno sequestra beni per 2 milioni e mezzo di euro.
14/07/2011, 10:07

SALERNO - La Direzione Investigativa Antimafia di Salerno ha eseguito un decreto di sequestro anticipato, emesso dal Tribunale di Salerno – Sez. Mis. Prev. -, nei confronti di FONTANELLA Gaetano, 55enne di Sant’Antonio Abate, residente in Angri (SA). La richiesta di applicazione della misura di prevenzione di carattere personale e patrimoniale è stata avanzata d’iniziativa dal Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, Dirigente Generale di Pubblica Sicurezza, Dott. Alfonso D’ALFONSO, sulla base di articolate e complesse indagini anche di natura economico finanziaria sviluppate dalla Sezione Operativa D.I.A. di Salerno. Con la citata misura cautelare reale antimafia è stato disposto il sequestro di numerosi immobili, terreni, autovetture e conti correnti bancari intestati al proposto ed a suoi famigliari, per un valore complessivo di circa due milioni e mezzo di euro.  Gaetano FONTANELLA, è stato tratto in arresto e denunciato, fin dai primi anni ’80, con personaggi di rilievo dell’organizzazione camorristica denominata “Nuova Famiglia” operante nell’agro nocerino. Successivamente è stato più volte condannato, con sentenze definitive o già confermate in appello, per delitti contro il patrimonio e per associazione per delinquere; di recente è stato attinto da ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di usura ed estorsione.  Le articolate indagini tecnico-patrimoniali esperite dalla D.I.A. di Salerno hanno evidenziato come il danaro, provento delle illecite attività del FONTANELLA, sia stato reinvestito, attraverso lo schermo dei famigliari, in diverse operazioni immobiliari i cui profitti sono stati ora sottoposti a sequestro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©