Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si dimette dal ruolo Massimo Zennaro, che resta nel MIUR

La gaffe sul tunnel la paga il portavoce della Gelmini, che si dimette



La gaffe sul tunnel la paga il portavoce della Gelmini, che si dimette
29/09/2011, 14:09

ROMA - Alla fine, la stupidaggine del tunnel che permetterebbe ai neutrini di viaggiare tra Ginevra e Gran Sasso fa una vittima. Si tratta di Massimo Zennaro, 38 anni, che si dimette dal ruolo di portavoce del Ministro Maria Stella Gelmini, pur restando nel Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca (MIUR) col ruolo di direttore generale.
Infatti, venerdì scorso, quando si diffuse la notizia che i neutrini avevano viaggiato da Ginevra al Gran Sasso ad una velocità superiore a quella della luce, il Ministero aveva emanato una nota, nella quale si parlava di un fantomatico tunnel, a cui lo Stato italiano aveva contribuito con 45 milioni. In realtà non c'è nessun tunnel, sia perchè è impossibile costruirne uno così lungo, sia perchè i neutrini sono in grado di passare attraverso le rocce.
E così la nota è stata l'oggetto degli sfottò su Internet e sui social network, con battute, fotomontaggi e video che stanno impazzando sulla Rete. Il MIUR aveva anche tentato di aggiustare le cose, con una nota che definiva la polemica "assolutamente strumentale" e "ridicola", ma le tante risate della gente hanno impedito di sentire la smentita (che comunque conteneva un'altra bestialità tecnica).
Zennaro è uno dei due collaboratori che aiutarono la Gelmini a fare quest'altra figuraccia a Ballarò

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©