Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La guardia di finanza di Battipaglia sequestra 4 “videopoker” in un noto club della città


La guardia di finanza di Battipaglia sequestra 4 “videopoker” in un noto club della città
05/06/2012, 13:06

Nell’ambito dei servizi di controllo economico del territorio predisposti e coordinati dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Salerno, le Fiamme Gialle della Tenenza di Battipaglia hanno effettuato un intervento finalizzato a rilevare la presenza delle c.d. “macchinette mangiasoldi” ed a contrastare le consequenziali attività illecite poste in essere dai soggetti che le installano presso bar, circoli ricreativi e sale da gioco.

Le slot-machine irregolari sono artatamente modificate e, a fronte di una probabilità di vincita estremamente bassa, rispetto a quanto previsto dalla legge (75%), consentono ai titolari di bar e circoli di realizzare ingenti guadagni a danno di ignari avventori e di non versare quanto dovuto all’Erario.

I recenti controlli, effettuati presso un club situato nel Comune di Battipaglia, hanno permesso di formalizzare il sequestro di quattro apparecchi “videopoker” privi di qualsiasi titolo autorizzatorio e dotati di schede di gioco non conformi all’art. 110, comma 7, del T.U.L.P.S..

I citati “videopoker” erano predisposti per accettare monete da €. 0,50 a €. 1, inducendo in tal modo sprovveduti giocatori a perdere sempre più ingenti somme di denaro in brevissimo tempo, senza ottenere alcuna vincita congrua e contenevano al loro interno la somma di €. 105,00, anch’essa sottoposta a sequestro.

Nei confronti dell’esercizio commerciale sottoposto a controllo sono state comminate sanzioni amministrative per 16.000,00 euro.

L’attività di servizio posta in essere testimonia il costante presidio esercitato dal Corpo sul territorio a salvaguardia delle leggi vigenti ed è finalizzata a contrastare la piaga sociale, sempre in ascesa, del gioco d’azzardo, in un momento storico-economico particolarmente gravoso per le famiglie italiane.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©