Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La Guardia di Finanza di Battipaglia sequestra 5 “videopoker” in un noto club di Battipaglia (SA).


La Guardia di Finanza di Battipaglia sequestra 5 “videopoker” in un noto club di Battipaglia (SA).
02/05/2012, 10:05

Nell’ambito dei servizi di controllo economico del territorio predisposti e coordinati dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Salerno, le Fiamme Gialle della Tenenza di Battipaglia hanno effettuato un intervento finalizzato a rilevare la presenza delle c.d. “macchinette mangiasoldi” ed a contrastare le consequenziali attività illecite poste in essere dai soggetti che le installano presso bar, circoli ricreativi e sale da gioco.

Le slot-machine irregolari sono artatamente modificate e, a fronte di una probabilità di vincita estremamente bassa, rispetto a quanto previsto dalla legge (75%), consentono, ai titolari di bar e circoli, di realizzare ingenti guadagni a danno di ignari avventori e di non versare quanto dovuto all’Erario.

I recenti controlli, effettuati presso un club situato nel Comune di Battipaglia, hanno permesso di formalizzare il sequestro di cinque apparecchi “videopoker”, detenuti nella totale illegalità, privi di qualsiasi titolo autorizzatorio, dotati di schede di gioco non conformi all’art. 110, commi 6 e 7 del T.U.L.P.S. e modificati al fine di rendere pressoché nulle le vincite.

I citati “videopoker” erano predisposti per accettare monete da € 0,50 a € 2, inducendo in tal modo sprovveduti giocatori a perdere sempre più ingenti somme di denaro in brevissimo tempo, senza ottenere alcuna vincita congrua.

Nei confronti dell’esercizio commerciale sottoposto a controllo sono state comminate sanzioni amministrative per oltre 20.000,00 euro.

Ultimamente i controlli della Guardia di Finanza in questo settore sono notevolmente incrementati, anche a seguito delle nuove disposizioni legislative entrate in vigore. Infatti, le Fiamme Gialle di Battipaglia, non molto tempo fa, avevano effettuato un sequestro di altri 3 “videopoker” in un bar di San Gregorio Magno (SA).

L’attività di servizio posta in essere testimonia il costante presidio esercitato dal Corpo sul territorio a salvaguardia delle leggi vigenti ed è finalizzata a contrastare la piaga sociale, sempre in ascesa, del gioco d’azzardo, in un momento storico-economico particolarmente gravoso per le famiglie italiane.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©