Cronaca / Rosa

Commenta Stampa

La Guardia Svizzera apre alle donne


La Guardia Svizzera apre alle donne
05/05/2009, 17:05

 La Guardia svizzera potrebbe aprire le porte alle donne, anche se in un futuro non troppo vicino: lo ha annunciato, con un netto cambiamento di linea rispetto ai suoi predecessori, il nuovo comandante dell'esercito pontificio, Daniel Anrig, che domani assisterà al primo giuramento di reclute in questa veste. Alla vigilia della cerimonia, che si ripete ogni anno dal 1527 nella ricorrenza del sacco di Roma, Anrig, intervistato telefonicamente durante la trasmissione televisiva Studio aperto, ha detto che il reclutamento di donne nella Guardia svizzera "puo' essere possibile". "Personalmente - ha aggiunto - me le posso immaginare per uno e per un altro compito". Di certo - ha precisato un portavoce del corpo - l'ingresso delle donne porrebbe problemi logistici di non poco conto e di non immediata risoluzione, dato che gli attuali spazi destinati agli alloggi delle Guardie bastano appena per gli attuali 110 militari maschi. La convivenza in caserma tuttavia - ha affermato Anrig a Studio aperto - "puo' avere qualche problema, ma ogni problema si puo' risolvere". Una reazione ben diversa rispetto al suo predecessore, il colonnello Elmar Maeder, che nel 2004 rispose alla stessa domanda che non ci sarebbe mai stata una recluta donna tra le guardie svizzere, "almeno non sotto il mio comando".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©