Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Per tradizione, si fa il preepe nella Procura

La Lega protesta per il "presepe nero" di Verona


La Lega protesta per il 'presepe nero' di Verona
14/12/2009, 10:12

VERONA - Ha avuto un bel coraggio, il Procuratore Capo di Verona, Mario Giulio Schinaia, visto il clima che si respira nel capoluogo veneto: nel tradizionale presepe che viene allestito tutti gli anni in Procura, Maria, Giuseppe e il bambinello sono neri. La cosa non è piaciuta a molti esponenti della Lega Nord, anche se la maggior parte cerca di fare buon viso a cattivo gioco.
Come il Sindaco di Verona, Flavio Tosi, che ha dichiarato: "Ne sono felice perché il presepio è uno dei simboli della nostra cultura. La Natività con la pelle nera? A casa mia c'è un presepio, un'opera d'arte, che è stato  acquistato in Costa d'Avorio e come si può ben immaginare in quel Paese non usano dare sembianze europee ai personaggi".
Molto più duro, invece, il Ministro dell'agricoltura, Luca Zaia: "Se si dedica tanto tempo a pensare a queste cose, spero che si dedichi altrettanto tempo a cause e processi, a Verona la giustizia ha ben altri problemi: a meno che gli uffici giudiziari non abbiano avocato a sé anche questo tipo di competenze". Anche se a dire il vero il Tribunale di Verona ha un funzionamento abbastanza ineccepibile, se consideriamo le difficoltà in termini di carenza di personale che tutti i Tribunali italiani hanno.
Invece molto tranquilla la replica del Procuratore Schinaia: "La scelta di quest'anno vuole essere un'apertura alla Cristianità nel suo senso universale, uno stimolo a ragionare sul significato profondo della solidarietà e della comunanza dei popoli. E poi la storia ci insegna che la Sacra Famiglia probabilmente aveva proprio la pelle scura". Parole d'oro.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati