Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il punto è la possibilità di ricerca sulle staminali

La legge 40 di nuovo davanti la Corte Costituzionale


La legge 40 di nuovo davanti la Corte Costituzionale
12/12/2012, 16:39

FIRENZE - La legge 40 sulla procreazione assistita finisce nuovamente davanti alla Corte Costituzionale. Questa volta è ad opera del Tribunale di Firenze. Tutto nasce dalla decisione di due coniugi che, dopo la fecondazione, hanno deciso di non farsi impiantare gli embrioni malati (i due sono portatori di una patologia genetica) o non testabili e di destinarli invece alla ricerca. Così contestano la costituzionalità di due articoli della legge: quello che obbliga la donna a farsi impiantare i tre embrioni prelevati e fecondati e quello che vieta la ricerca sugli embrioni sovrannumerari, nonchè il loro congelamento. 
C'è la violazione, secondo i ricorrenti e secondo il Tribunale, dell'articolo 2 della Costituzione, sui diritti inviolabili della persona; dell'articolo 32, sulla tutela della salute e sul divieto di sottoporre l'individuo a terapie non desiderate; articolo 13, inviolabilità della libertà personale; articolo 9 sulla promozione della ricerca scientifica. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©