Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Breve viaggio nella malavita organizzata "esportata"

La mafia non è più un piatto tipico


La mafia non è più un piatto tipico
29/06/2010, 17:06

La mafia non è più un problema unicamente siciliano o italiano. Che la mafia si sia estesa in tutta Europa è un dato di fatto. I nostri peggiori latitanti coltivano indisturbati i loro sporchi affari anche fuori dal territorio italiano. Se vivono la loro latitanza in Italia, si affidano comunque ai medici europei anche quando si tratta solo di piccoli ritocchi di chirurgia estetica.
Dati allarmanti però giungono da Marsiglia, città che, da tempi antichi, si intreccia con le mafie di tutto il mondo. Fin dal dopoguerra, Marsiglia è stata il centro nevralgico della mafia internazionale.

Bernardo Provenzano, latitante per ben 43 anni, andò a Marsiglia 2 volte, in 2 cliniche differenti:
Dal 7 al 10 luglio 2003 fu ricoverato nella clinica di La Ciotat per dei controlli.
Fu operato il 29 ottobre 2003 nella clinica di Casamance ad Aubagne, operazione pagata dalla Regione Sicilia allora gestita da Salvatore Cuffaro.
Pare che nella stessa clinica fu operato anche il boss Paolo Di Lauro. E sembrerebbe che, nella stessa clinica, il boss Giuseppe Falsone, arrestato lo scorso venerdì, abbia subito un piccolo ritocco di chirurgia estetica al naso.
Non possiamo parlare di coincidenze. Non si può far finta che tutto questo sia un caso, soprattutto quando si tenta di archiviare come suicidio un chiarissimo omicidio com’è quello del dottor Attilio Manca.
La presenza dei latitanti italiani in Europa non si ferma a Marsiglia: Il boss Paolo Di Lauro aveva dei negozi in Francia e per la precisione a  Nizza, Lione e Parigi
Umberto Onda, camorrista latitante dal 2007, è stato arrestato questa mattina mentre sbarcava da un traghetto proveniente dalla Grecia
Giovanni Strangio, boss della ndrangheta, responsabile della strage di Duisburg arrestato in Olanda nel 2009, è stato preso in casa dove viveva con sua moglie e suo figlio.
Francesco Schiavone, capoclan dei Casalesi, arrestato nel marzo del 2004 a Krosmos in Polonia, viveva in Ungheria.
Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993, a causa di una forma di strabismo, è stato operato il 6 gennaio 1994 nella prestigiosa clinica “Barraquer” di Barcellona, in Spagna.
Addirittura, i clan secondiglianesi, avevano magazzini e negozi sparsi in Europa, Portogallo, Austria, Finlandia, Germania, Spagna, Belgio, Inghilterra, Irlanda, Olanda e Danimarca.
Questi sono solo piccoli accenni, l’elenco è davvero preoccupante.
E allora, la mafia, è davvero solo cosa nostra?


Breve cronistoria di Sergio Cacioppo su Marsiglia:
Nel Novecento la mafia, sempre alla ricerca di nuovi luoghi trova una collocazione in Provenza, tanto più nel secondo dopoguerra, quando, a Marsiglia, la mafia riusciva a dominare il commercio degli oppiacei, raffinati in laboratori provenzali per essere immessi nelle rotte atlantiche. 
Proprio in quei frangenti si imposero, per capacità organizzative e dispiego di mezzi, narcotrafficanti come Barthélémy e Antoine Guérini, Paul Mondoloni, Dominique e Jean Venturi, Xavier e Jean Francisci, Auguste Joseph Ricord
Era ancora molto potente la French Connection, che, risalente agli anni di Paul Carbone e François Spirito, integrava in quei frangenti boss assai quotati come il brasiliano Auguste Ricord e il siciliano Salvatore Greco, oltre che i boss più potenti della mafia italo-americana, interessati all’eroina.
Negli anni cinquanta la mafia marsigliese intreccia rapporti con la mafia d'oltre oceano stringendo patti scellerati con uomini del calibro di Lucky Luciano.
Negli anni sessanta un potente boss mafioso fu ucciso in ospedale a Marsiglia, il suo nome è René Mondoloni, figlio naturale di Barthélemy (potente famiglia mafiosa).
Negli anni settanta dominò la scena Salvatore Riina che dimostrò di possedere una efferata vocazione alla forza a cui non seppe mai rinunciare.
Negli anni ottanta si scatenarono conflitti sanguinosi con la banda di Raymond Mihière, detto “il cinese”, e Souhel Hanna-Elias, “il libanese”, Marsiglia era divenuta la maggiore città europea dove le mafie siciliane, americane, africane, belghe, si scontravano per il controllo mondiale della droga.

Helene Benedetti di "Informare per Resistere"

Commenta Stampa
di Helene Benedetti
Riproduzione riservata ©