Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'impianto trasmetteva sulle frequenze dell'aeronautica

La messa via radio disturbava gli aerei; sacerdote denunciato


La messa via radio disturbava gli aerei; sacerdote denunciato
23/12/2009, 14:12

ASOLO (TREVISO) - Un sacerdote stupefatto si è visto piombare nel Duomo di Asolo, paesino in provincia di Treviso, personale della Polizia Postale, incaricato di sequestrare l'impianto di trasmissione della Chiesa. La colpa è di un impianto radio, presente sul Duomo della cittadino da una trentina di anni, quando veniva usato per trasmettere le frequenze di Radio Asolo, una radio locale che nacque negli anni di Far West dell'etere. Nel corso degli anni, Radio Asolo si è trasferita, ma - è da accertare se volontariamente o per una dimenticanza - è rimasta l'antenna collegata ai microfoni della chiesa. E così, quando Don Giacomo Lorenzon faceva il suo servizio sacerdotale, non lo sentivano solo gli abitanti di Asolo, ma c'erano interferenze anche su altri impianti in un raggio di una ventina di chilometri. E soprattutto c'erano le interferenze per gli aerei che cercavano di atterrare nel vicino aeroporto di Treviso (l'atterraggio è una fase delicata, in cui il pilota riceve indicazioni continue dalla torre di controllo, ndr) e che ricevevano sul canale radio l'omelia del parroco.
Dopo numerose segnalazioni, la torre di controllo ha avvertito la Polizia Postale, che ha iniziato le indagini, fino a scoprire la localizzazione dell'impianto. Ed ora Don Lorenzon è stato denunciato per "danneggiamento di sistemi informatici e telematici"; e rischia un processo, con una condanna che può andare da sei mesi a tre anni. Mica male, considerando che Don Lorenzon è giunto ad Asolo solo da due anni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©