Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sequestrati oltre 20000 titoli tra dvd e cd contraffatti

La polizia scopre a Caivano una centrale per la pirateria audiovisiva


La polizia scopre a Caivano una centrale per la pirateria audiovisiva
05/06/2012, 12:06

Blitz dei poliziotti del commissariato di Afragola in un'abitazione di Caivano, infatti in camera da letto della copppia sono stati trovati due Pc in funzione, completi di 5 masterizzatori e 4110 dvd, mentre nella cantina di pertinenza dell’abitazione ben 14880 dvd, il tutto riproducente, prevalentemente, films attualmente in programmazione nelle sale cinematografiche, ma anche cartoni animati, fiction tv e cd musicali, oltre a centinaia di dvd ancora da registrare.

Gli agenti del Commissariato di P.S. “Afragola” nel pomeriggio di ieri, si sono recati presso l’abitazione di una donna di 40 anni, in Caivano (NA) al fine di compiere delle indagini delegate dal Tribunale di Ferrara. La 40enne, alla vista della Polizia, ha tentato in tutti i modi di ostacolare l’ingresso presso la sua abitazione, non riuscendoci.

I poliziotti, infatti, recatisi nell’abitazione della donna per acquisire una collana in oro hanno scoperto, invece, che era stata allestita una centrale per la pirateria audiovisiva. Nel prosieguo della perquisizione, inoltre, sono stati rinvenuti un misuratore di anelli, un bilancino di precisione, orologi di svariate marche (D&G, Breil, Guess) nonché oggetti e monili in oro, per un peso di oltre 200 grammi.

Nel perquisire la cantina, i poliziotti hanno accertato che la donna era responsabile anche di furto di energia elettrica in quanto, a monte del contatore dell’Enel, era stato fatto un allaccio diretto, evitando così che l’energia elettrica fosse fatturata.

La perquisizione è stata estesa anche presso l’esercizio commerciale di vendita Pc, gestito da un uomo di  di 41anni, convivente della donna, dove sono stati rinvenuti e sequestrati altri 74 dvd, oltre a locandine di films e di cd musicali.

I poliziotti hanno arrestato la coppia perché responsabili, in concorso tra loro, dei reati di ricettazione, furto aggravato e di violazione sulla norma dei diritti d’autore.

Sono in corso indagine della Polizia circa la provenienza dei monili in oro e degli orologi, parte dei quali rinvenuti con cartellini indicante il prezzo di esposizione. La donna è stata condotta al Carcere di Pozzuoli mentre l'uomo a quello di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©