Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ipotizzato il rischio di reiterazione del reato

La presidente di Italferr ai domiciliari


La presidente di Italferr ai domiciliari
16/09/2013, 17:45

PERUGIA- La presidente di Italferr, Maria Rita Lorenzetti, è stata messa agli arresti domiciliari stamani nell'ambito di un'indagine della Procura di Firenze relativa a lavori della Tav in Toscana.

A suo carico, secondo le prime informazioni, verrebbero ipotizzati i reati di corruzione e associazione per delinquere. Lorenzetti, ex presidente della Regione Umbria, ha sempre sostenuto la correttezza del proprio operato. Il suo legale Luciano Ghirga, nel confermare la notizia, precisa che commenterà solo dopo aver letto la copiosa ordinanza di circa 400 pagine notificata alla Lorenzetti nella sua casa di Foligno. L'ex governatrice del Pd, che  ha guidato la Regione Umbria per due mandati, fino alla scorsa legislatura, aveva già ricevuto un avviso di garanzia, nella sua veste di presidente dell'Italferr, con le ipotesi di corruzione, associazione a delinquere e abuso di ufficio.

Nell'ordinanza di custodia cautelare a carico della Lorenzetti viene ipotizzato il rischio di reiterazione del reato e non di inquinamento probatorio come si era appreso in un primo momento. In tutto sono sei le persone finite agli arresti domiciliari nell'ambito dell'indagine della procura di Firenze sugli appalti per la Tav.

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©