Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ad uccidere la cantante un mix di alcol e farmaci?

La salma di Whitney in New Jersey. Venerdì i funerali


La salma di Whitney in New Jersey. Venerdì i funerali
14/02/2012, 11:02

LOS ANGELES – Le voci parlano del ritrovamento nella sua suite di decine di bottiglie di ansiolitici e sonniferi. La morte di Whitney Houston è subito diventata un giallo e tra le ipotesi più credibili si fa strada quella che ad uccidere la cantante sia stato un mix letale di alcol e farmaci. È il sito di gossip “Tmz” a sostenere che la famiglia della cantante sarebbe stata informata dal medico legale di Los Angeles che Whitney non è morta annegata, ma per una combinazione fatale di alcolici e farmaci tra cui lo Xanax. Si rendono dunque sempre più necessari gli esami tossicologici, che saranno pronti però solo fra sei settimane, per fare luce sulla morte della quarantottenne cantante afroamericana. La Houston infatti non sarebbe annegata, come ipotizzato in un primo momento, nonostante il suo corpo fosse stato trovato, esanime, all’interno della vasca da bagno, ma sarebbe stata vittima di una dose eccessiva di antidepressivi. Intanto, a bordo di un jet privato, la salma di Whitney Houston è ritornata in New Jersey, per l’ultimo viaggio nella sua terra natale. Ad attendere la bara c’era un carro funebre dorato che ha lasciato l’aeroporto e, poco prima di mezzanotte, è arrivato a Newark, la città dove la star era nata 48 anni fa e dove la salma è stata depositata all’obitorio, in attesa dei funerali che si dovrebbero tenere venerdì.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©