Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La scuola di Ischia solidale con la popolazione di Scampia


.

La scuola di Ischia solidale con la popolazione di Scampia
07/12/2012, 17:38

La scuola di Ischia non rimane indifferente rispetto a quanto accaduto a Scampia nei giorni scorsi e solidarizza con la popolazione scolastica della scuola materna “Montale” teatro di un efferato delitto di camorra proprio nel mentre i piccoli alunni della scuola napoletana erano intenti ad intonare le canzoni della recita natalizia. Su proposta del Consigliere Gennaro Savio, il Consiglio di circolo Ischia 2 ha approvato all’unanimità una nota da inviare alla direzione scolastica di Secondigliano e in cui tra l’altro si legge: “ I componenti del Consiglio di Circolo “Ischia 2” riuniti nella seduta del 6 dicembre 2012, appreso dell’agguato di camorra avvenuto ieri a Scampia in via Fratelli Cervi, dove un uomo è stato ucciso a colpi di pistola nel cortile della scuola materna “Montale” durante le ore di lezione, esterrefatti per quanto accaduto, esprimono la propria vicinanza e solidarietà alla Dirigenza scolastica, al corpo docente e non docente, ai genitori e, soprattutto, ai bambini della scuola napoletana al cento del tragico fatto di cronaca. Che questo terrificante episodio possa far rafforzare nella parte sana della società civile e in modo particolare nei bambini, e quindi nei cittadini di domani, la necessità di fare terra bruciata attorno alle organizzazioni criminali che imperano da sempre nella provincia di Napoli affinché la nostra Terra possa definitivamente liberarsi dal cappio sempre più soffocante della cultura camorristica che domina non solo nell’hinterland napoletano e delle città della Terraferma della nostra regione dove è consuetudine sparare e uccidere, ma ovunque c’è arroganza, prepotenza e prevaricazione, tipici atteggiamenti del fare mafioso. Gennaro Savio, promotore dell’iniziativa, ha così commentato: “Innanzitutto voglio ringraziare tutti i componenti del Consiglio di circolo Ischia 2 e la Dirigente Dott.ssa Patrizia Rossetti, che oltre a votare all’unanimità la mia proposta hanno espresso parole di commozione e di vicinanza con la scuola di Scampia. Il nostro è stato un atto doveroso che ci vogliamo augurare possa essere seguito da tutte le scuole italiane. Si tratta di un gesto simbolico ma che se seguito da tanti potrà certamente far sentire meno soli genitori, bambini e insegnanti che assieme al corpo non docente operano quotidianamente in un ambiente sociale difficile e pericoloso”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©