Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

scendono in campo i genitori di Amanda contro i giudici

La sentenza di Perugia scatena la reazione dei politici USA


La sentenza di Perugia scatena la reazione dei politici USA
07/12/2009, 21:12

WASHINGTON - La sentenza di Perugina che ha condannato Amanda Knox alla pena di 26 anni di reclusione fa discutere anche la diplomazia internazionale. Infatti, in questi giorni è trapelata la notizia che il Segretario di Stato americano Hilary Clinton abbia criticato la giustizia italiana per come ha il processo sull’omicidio di Meredith Kercher. Qualcuno ha subito gridato ad una presunta crisi diplomatica tra Italia e Stai Uniti. Sulla questione è intervenuto il ministro degli Esteri Franco Frattini che “ da parte del segretario di Stato Usa non è arrivata nessuna critica alla sentenza dei giudici di Perugina. Né pubblica, né tanto meno per via diplomatica, perché”, ha spiegato il titolare della Farnesina, ” non c'è stato alcun contatto tra Roma e Washington sulla vicenda, né ce ne saranno in futuro”.
A criticare, infatti, Oltreoceano sono i familiari di Amanda che hanno attivato una petizione popolare, non certo Hillary Clinton.
In effetti, nel corso della trasmissione di ieri della rete Abc, la Clinton - ad una precisa domanda dell'intervistatore - aveva semplicemente ammesso di non conoscere la vicenda, limitandosi a dare la propria disponibilità ad ascoltare chiunque avesse perplessità sulla condanna della ragazza e a chiarire comunque di non aver espresso alcun timore al governo italiano. Non propriamente una dichiarazione di guerra, come l'ha presentata qualcuno. È vero tuttavia che l'incessante campagna di mobilitazione alimentata dalla famiglia Knox sta avendo larga eco sui mezzi di informazione americani.
Un ciclone mediatico che ha spinto forse nei giorni scorsi la senatrice democratica Maria Cantwell - eletta a Seattle, la stessa città della condannata - ad attaccare la giustizia italiana e a denunciare l'ombra dell' "antiamericanismo" dietro la condanna della connazionale. È probabile che il fuoco di fila dei media americani contro i giudici italiani non si fermi qui, con l'obiettivo di tenere alta la tensione anche in vista del giudizio di appello. Anche perchè gli americani sono notoriamente allergici a far processare - e tanto più condannare - propri connazionali da un sistema giudiziario che non sia il loro.
Ma non è un caso che oggi l'ambasciata americana a Roma abbia voluto smorzare i toni, chiarendo che gli Stati Uniti "non commentano" il sistema giudiziario italiano: "La vicenda - spiegano dalla sede dell'ambasciata di via Veneto - continuerà ad essere seguita", ma "come avviene per qualsiasi caso giudiziario che riguardi cittadini statunitensi".
Anche Frattini, dopo aver sgombrato il campo dagli equivoci di presunte tensioni diplomatiche, ha definito "giusto e normale" l'interessamento del segretario di Stato Usa. "Io ascolto molte persone che mi vengono a parlare del caso Forti o del caso Parlanti i due italiani detenuti negli Stati Uniti che si proclamano da anni innocenti. È giusto che Hillary Clinton ascolti una senatrice americana", ha detto. Secondo la famiglia della Knox, intanto, quelle che stanno giungendo dagli Usa sono "iniziative autonome".
"Amanda - hanno detto i parenti della giovane di Seattle - ha subito un processo regolare che a nostro avviso ha comunque evidenziato la sua innocenza. Si è trattato quindi di un grande errore. Certo, tutto quanto viene fatto per Amanda ci fa piacere. Ma noi - hanno aggiunto con riferimento alle accuse della senatrice Cantwell - non guidiamo i politici".

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©