Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cadute ed altri incidenti, appelli del Corpo Forestale

La stagione dei funghi inizia con 18 morti in 10 giorni


La stagione dei funghi inizia con 18 morti in 10 giorni
29/08/2010, 12:08

Come ogni anno, dopo Ferragosto gli appassionati che vanno a raccogliere funghi, cominciano ad inerpicarsi nelle zone meno trafficate dei boschi delle Alpi e degli Appennini alla ricerca di porcini, chiodini e quant'altro di commestibile si riesca a trovare. Ma quest'anno la stagione dei funghi si è aperta con un numero considerevolmente alto di incidenti: cadute nei dirupi o nelle scarpate hanno finora provocato 18 morti, oltre ad un disperso sull'Appennino pistoiese, in soli 10 giorni. Gli ultimi quattro solo tra tra sabato e domenica mattina, in meno di 36 ore.
Inutilmente il Soccorso Alpino e il Corpo Forestali stanno inviando appelli alla prudenza. Per esempio quelli di Pietro Bertolini, capo stazione del Soccorso alpino di Morbegno: "Nelle escursioni si devono calzare scarpe adatte al terreno; e quando si va nei boschi è bene non essere soli, ma almeno in due. Non vanno affrontati percorsi di difficoltà superiori alle proprie capacita. E inoltre, occorre segnalare a chi resta a casa con precisione i luoghi che si intendono raggiungere per agevolare gli eventuali soccorsi".
C'è anche un vademecum steso dagli uomini del Corpo Forestale: oltre agli stessi consigli dati dal Soccorso Alpino, anche informarsi sul meteo; in caso di temporale, non stare vicino agli alberi o ad oggetti appuntiti, ma non restare neanche in piedi in mezzo ad una vasta zona pianeggiante. Nell'equipaggiamento non deve mancare il cellulare, una lampada ed un coltello. Inoltre non possono essere raccolti più di tre chili a persona e non si devono usare rastrelli o uncini che possano danneggiare anche quello che non viene raccolto.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©