Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli Centrale: il nuovo salotto della città

La stazione ferroviaria cambia il suo look

50 Ml di € investiti e 40 negozi, le cifre del restyling

.

La stazione ferroviaria cambia il suo look
12/12/2011, 15:12

NAPOLI – Cambia il look della Stazione Centrale di Napoli, una galleria commerciale con oltre 40 esercizi arricchisce l’ importante scalo partenopeo. Un investimento da 50 milioni di euro e presto ne saranno spesi altrettanti per la ristrutturazione del Palazzo alto simbolo della stazione e sede logistica del comparto e a seguire verrà realizzato un parcheggio su due livelli per la capienza di cinquecento posti auto. Inoltre da oggi e fino a Natale si svolgeranno eventi e spettacoli per allietare non solo i passeggeri ma anche i cittadini che volessero trascorrere un pomeriggio visitando l’ intero complesso. Napoli la città in cui fu realizzata la prima tratta ferroviaria, la Napoli Portici, vede oggi la sua stazione brillare di eleganza e modernità. Ma nonostante gli sforzi sostenuti per rendere all’ avanguardia lo scalo ferroviario le critiche di chi viaggia quotidianamente insieme ai disagi non tardano a palesarsi: “Ridateci i treni, cosa ce ne facciamo dei negozi” questo grida un giovane, barba incolta e occhiali, probabilmente un pendolare,proprio nel momento in cui Fabio Battaggia Amministratore Delegato di Grandi Stazioni, taglia il simbolico nastro a suggello dell’ inaugurazione dello scalo napoletano. Ma malumori a parte questa è una riqualificazione che necessitava come sostiene Battaggia che nel suo intervento ha detto: ” Questa ristrutturazione oltre che all’ abbellimento, ha prodotto posti di lavoro e non solo per quanto concerne la ristrutturazione stessa, ma anche perché grazie alla galleria commerciale si sono realizzati altri trecento posti di lavoro fissi”. Dei 40 esercizi che la compongono ben 17 sono attività commerciali legate al territorio, a queste il compito di dare il primo impatto a coloro che giungono nella nostra città per la prima volta. “Per tutte però” assicura Battaggia “è stata fatta una selezione accurata e trasparente”. “Una stazione bella e funzionale “ così l’ apostrofa Sergio Vetrella Assessore Regionale ai Trasporti, senza nascondere, però la Sua preoccupazione e il Suo dissenso per la riduzione del 60% delle corse previste dal Governo dal prossimo gennaio, tema sul quale non cessa di battersi.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©