Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si vorrebbe proporre un progetto meno costoso

La Tav in Val di Susa? Non interessa Fs e governo francese


La Tav in Val di Susa? Non interessa Fs e governo francese
27/06/2011, 16:06

VAL DI SUSA - Mentre questa mattina 2000 poliziotti andavano alla carica dei manifestanti in Val di Susa, per iniziare i lavori del tunnel di Chiomonte (7 chilometri di perforazione, che comunque andrà poi proseguito, dato che il confine italiano è più lontano), sul quotidiano La Stampa compare oggi un articolo che spiega come il progetto per far passare un tunnel sotto il massiccio d'Ambin cominci a sembrare troppo costoso. Infatti, pare che, rivedendo i calcoli, si siano resi conto che da una parte i costi erano stati sottostimati; dall'altra i problemi economici sopravvenuti difficilmente permetteranno all'Italia di spendere 8 miliardi e mezzo (teorici, in realtà parliamo probabilmente di 25 miliardi o più) in 10 anni per questi lavori. E quindi governo francese e Ferrovie dello Stato stiano discutendo su una possibilità più economica: costruzione del tunnel in una sola canna  e non più due (mossa pericolosa, dato che la seconda canna serve per l'arrivo dei mezzi di sicurezza e per l'evacuazione; senza, in caso di incidente, il tunnel diventerebbe una trappola mortale); allungamento dei tempi a 20 anni, dato che l'attuale collegamento Torino-Lione è ampiamente sottoutilizzato (guarda caso, una delle argomentazioni più forti dei No Tav).
La nopvità farebbe piacere anche a Tremonti, ovviamente, dato che comporterebbe meno spese. Il rischio però è quello che siano comunque spese a vuoto. Anche se, in effetti, finora gli unici sicuri di guadagnarci sono solo le aziende incaricate di creare il tunnel. L'utilità reale è pari a zero.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©