Cronaca / Droga

Commenta Stampa

I dati di Antigone smascherano l'ennesima bugia

La tolleranza zero contro la droga? Ennesima bufala


La tolleranza zero contro la droga? Ennesima bufala
14/04/2010, 14:04

ROMA - C'è una voce su cui sta pian piano calando il silenzio: la lotta alla droga. Certo, vengono fatti ancora arresti, ma solo di piccoli spacciatori. Non si tenta di risalire la catena per arrivare ai vertici, salvo poche eccezioni. Anche i sequestri sono in calo, come quantità, anche se magari aumentano di numero, perchè ogni piccolo spacciatore arrestato ha qualche grammo di droga.
Ed una conferma in questo senso proviene dall'associazione Antigone, che ha esaminato i dati del Ministero dell'Interno. Nel 2009 sono state sequestrate 16 tonnellate di droga in meno, rispetto al 2008, anno in cui si erano avuti sequestri record, con la conferma di un trend in crescita a partire dal 2004. Ma sono calate anche le operazioni antidroga condotte, del 12,5%. In particolare il calo maggiore si è avuto nei sequestri di hashish, calati del 51,1%.
Cosa vuole dire questo? Semplicemente è l'effetto dei tagli del governo. Polizia, Carabinieri e Finanzieri non hanno il personale e i mezzi per seguire con lentezza e pazienza tutta la catena dei fornitori, fino ad arrivare ai vertici dell'associazione. Di conseguenza si fermano ai livelli bassi, arrestando magari anche più spacciatori, ma hanno più difficoltà ad arrestare i vertici; la controprova sta nel fatto che diminuiscono i processi per associazione a delinquere a fini di spaccio. E questo è negativo, perchè lo spacciatore, soprattutto nelle zone povere della città o tra gli extracomunitari senza lavoro, lo si trova; ma se ti attacca il vertice, si crea un buco che impiega un po' ad essere tappato.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©