Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'ABRUZZO AL VOTO DOPO LA BURRASCA GIUDIZIARIA


L'ABRUZZO AL VOTO DOPO LA BURRASCA GIUDIZIARIA
14/12/2008, 09:12

Aprono oggi i seggi per le elezioni regionali in Abruzzo, le prime dopo il terremoto giudiziario che nel luglio scorso travolse il presidente Ottaviano Del Turco. Il Pdl spera in una vittoria che attesti il risultato conseguito a livello nazionale, opinione non condivisa dal Pd, che ha visto fallire il tentativo di un’alleanza con Idv e Udc, e secondo il quale il significato del voto non travalicherà i confini della regione. Sono tredici liste e 6 candidati alla successione di Del Turco alla guida della Regione Abruzzo, dopo la riammissione alla competizione elettorale della lista "Per il bene comune", con candidato presidente Angelo Di Prospero, e l'esclusione di "Alleanza federalista", che comunque ha fatto ricorso al Consiglio di Stato. Il Pdl, sostenuto da Liberalsocialisti, Mpa e dalla lista civica "Rialzati Abruzzo", candida come governatore l'ex sindaco di Teramo Gianni Chiodi. In testa al listino c'è la presidente dei Giovani Industriali Federica Chiavaroli, seguita dal numero uno del Parco della Maiella Gianfranco Giuliante, dall'ex presidente del Consiglio regionale Giuseppe Tagliente, dall'ex vice sindaco di Celano Antonio Del Corvo e dall'ex vice sindaco di Teramo Berardo Rabuffo. Il centrosinistra è sostenuto da sette liste: Pd, Prc, Pdci, Idv, Ps, La Sinistra (Sd e Verdi) e una lista civica. Nel listino anche Marisa Bafile, direttrice del quotidiano "La Voce d'Italia" di Caracas e il medico aquilano Vittorio Festuccia. Del listino fanno parte anche: Carlo Ciuffelli Licandri, primario di chirurgia dell'ospedale di Teramo, Massimo Di Giannantonio, direttore del centro di salute mentale della Asl di Chieti, ed Elisabetta Leone, pneumologa, componente del direttivo nazionale dello Spi Cgil. Completano il listino il presidente dell'ordine degli ingegneri di Teramo Maurizio Fusilli e la componente del consiglio della Camera di commercio di Pescara Antonella Allegrino.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©