Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Attesi a Santa Maria Capua Vetere 530 immigrati

Lampedusa, 130 dispersi in mare, avvistati 20 cadaveri

La nave Clodia ha attraccato a Civitavecchia

Lampedusa, 130 dispersi in mare, avvistati 20 cadaveri
06/04/2011, 09:04

LAMPEDUSA - Nella notte, a circa 39 miglia da Lampedusa, mentre venivano soccorsi da un'unità della Guardia costiera, circa duecento immigrati sono caduti in mare. Si tratta di duecento persone di probabile provenienza tunisina, di cui 47 sono state recuperate, mentre proseguono le ricerche degli altri naufraghi.
I duecento profughi che avevano chiesto soccorso attraverso il telefono satellitare si trovavano su un barcone, intercettato da una delle motovedette alle quattro circa di mattina. Al momento del soccorso il barcone era in una situazione di grave pericolo. Finora i dispersi sono circa 130 e 20 sono i cadaveri avvistati. Tre motovedette, un aereo, un elicottero della Guardia Costiera ed un aereo maltese sono impegnati nelle ricerche dei dispersi. Intanto la nave Clodia con a bordo mille migranti circa ha attraccato a Civitavecchia. Circa duecento stranieri sono stati caricati da tre pullman e saranno trasferiti a Livorno.
Altri duecento raggiungeranno Campobasso, mentre 640 resteranno a Civitavecchia e verranno ospitati nel nuovo alloggio presso l'ex caserma De Carolis che si trova in via Brassanese Claudio, semiperiferia della città, a pochi chilometri dal porto. La governatrice del Lazio Renata Polverini l'ha definito un alloggio temporaneo. Arrivata sulla banchina con il questore di Roma Francesco Tagliente per assistere all'operazione non ha specificato quanto resteranno nel Lazio.
Alcuni ragazzi dei centri sociali e movimenti studenteschi hanno accolto i 1040 stranieri. A Santa Maria Capua Vetere 530 persone attese alle 8 di questa mattina al porto di Napoli si aggiungono ai 470 tunisini provenienti da Lampedusa. E' probabile che nella tendopoli tra qualche ora non ci sarà più spazio per accogliere i profughi.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©